Cronaca

Tirreno Power, Cna: “Ricorso sconfortante”

“La notizia del ricorso proposto dai Comuni di Vado Ligure e di Quiliano avverso la delibera regionale che stabiliva il percorso da seguire per il processo di ristrutturazione della centrale di Tirreno Power getta nello sconforto le migliaia di imprese e di lavoratori che guardavano con speranza a questa occasione di investimento, unica, per il territorio della Provincia di Savona”. A lanciare un preoccupato allarme per le prospettive dell’economia locale è il segretario della CNA savonese, Gianni Carbone, membro di giunta della Camera di Commercio in rappresentanza del settore artigiano.

I previsti lavori di ammodernamento dei due gruppi obsoleti e la realizzazione di una nuova unità a carbone da 460 MW richiedono una mole imponente di opere e di servizi per un importo largamente superiore al miliardo di euro, con cantieri attivi per oltre dieci anni.
“Ad una parte significativa di questi lavori – prosegue Carbone -, sulla base dell’accordo sancito con la regia della Camera di Commercio di Savona, potranno essere interessate direttamente imprese del territorio con un evidente ricaduta benefica in termini economici ed occupazionali”.
“L’attuale gravissima crisi in cui versa gran parte dell’economia locale – conclude il rappresentante del mondo dell’artigianato savonese – rende indifferibile e urgente l’attuazione di una scelta che è stata lungamente ponderata fino a raggiungere livelli di garanzie ambientali ben più elevati di quelli riguardanti la situazione attuale.
CNA esprime tutta la sua preoccupazione ed allarme a proposito del rischio che l’iniziativa degli Enti Locali finisca col distogliere anziché attrarre risorse indispensabili per la nostra martoriata economia, in un momento in cui non si vedono reali prospettive di ripresa”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: