giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Attualità > Tirrreno Power: archiviazione per i dirigenti accusati

Tirrreno Power: archiviazione per i dirigenti accusati

E’ stata archiviata, come richiesto dalla Procura di Savona, l’ accusa di disastro ambientale e sanitario colposo nei confronti di quattordici dirigenti di Tirreno Power, e, con loro, di sindaci di Vado Ligure e di dirigenti provinciali e regionali. Era già noto ai primi di maggio ed ora riferiamo anche noi della decisione del giudice dell’udienza preliminare Fiorenza Giorgi. Il decreto di archiviazione scagiona Emilio Macci, Stefano La Malfa (capi centrale rispettivamente dal 1999 al 2000 e dal 2001 al 2005), Massimiliano Salvi (direttore generale dell’azienda nominato nel febbraio 2014), Francesco Claudio Dini, Antonio Fioretti, Andrea Mangoni, Sergio Corso, Marco Ferrando, Roberta Neri, Marco Staderini, Ferdinando Pozzani, Gianluigi Riboldi, Sergio Agosta e Luigi Castellaro, componenti del Consiglio di Amministrazione nel periodo tra il 2002 ed il 2014.

Dirigenti e responsabili erano stati sottoposti ad indagine, insieme con altri dirigenti su cui deve ancora essere pronunciato un giudizio nel processo riguardante la centrale, dall’allora Procuratore Francantonio Granero che li riteneva responsabili per non aver limitato l’inquinamento prodotto dalle emissioni dei gruppi a carbone della centrale. In un secondo momento però,i Pubblici Ministeri, Daniela Pischetola e Vincenzo Carusi, avevano chiesto l’archiviazione. Dello stesso avviso la  giudice Giorgi che ha messo in rilievo  un’”assenza di poteri decisionali che consentissero loro di incidere sul decorso causale ed evitare l’evento lesivo”, così come “la brevità della loro durata in carica” sia per i dirigenti che per i membri del C.d.A.

Per quanto riguarda Salvi, il Gip nella sua ordinanza sostiene che il dirigente è stato nominato nel febbraio 2014, ovvero un mese prima (11 marzo 2014) che venisse disposto il sequestro dei gruppi a carbone della centrale. «Per questo – così recita il decreto di archiviazione – “deve escludersi che avesse la possibilità anche solo di ridurre gli effetti dannosi di una condotta materialmente tenuta da altri». Stessa motivazione per Riboldi che era stato nominato consigliere di amministrazione dopo il sequestro”.

Per questo caso delicato e non facile è giusta la prudenza; i processi sommari e  la smania di trovare un colpevole per tutto, a priori, pur in presenza di quattrocento morti sospette, non sono mai la via da seguire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *