Attualità

Torna “La pace di corsa”: minori e lavoro

La Caritas Diocesana di Savona organizza un percorso formativo con le Scuole Medie inferiori di Savona, di Quiliano, di Spotorno e di Vado Ligure sullo sfruttamento del lavoro minorile nel mondo. Saranno coinvolte 22 classi, per un numero complessivo di 550 studenti in una corsa non competitiva che si svolgerà in orario scolastico mercoledì 18 aprile dalle ore 09 alle 12, e in caso i pioggia, giovedì 19 aprile sempre negli stessi orari. “La pace di corsa”, quest’anno alla sua seconda edizione, rappresenta un progetto che ha quasi triplicato il numero dei ragazzi coinvolti con le rispettive famiglie. La corsa è preceduta in ogni classe partecipante da un laboratorio formativo, con tematica lo sfruttamento del lavoro minorile nel mondo ed in particolare nella Repubblica Democratica del Congo e nel Mozambico.

L’ILO, Organizzazione Mondiale del Lavoro, agenzia dell’ONU per le problematiche occupazionali, stima che nel mondo vi siano oltre 186 milioni di bambini lavoratori di età compresa tra i 5 e i 14 anni. In media, un ragazzo su sei, di età compresa fra i 5 e i 17 anni, può essere classificato come bambino lavoratore. Li troviamo in tutto il mondo, anche nei Paesi industrializzati. In proporzione, l’Africa sub sahariana conta il numero più elevato di bambini lavoratori. I laboratori nelle scuole sull’argomento sono iniziati il primo marzo e tenuti da quattro operatori della Caritas Diocesana, i quali propongono una proposta formativa che si fonda sul paradigma di Parknas, pedagogista svedese. La corsa non competitiva, si svolgerà nei Giardini Principessa Mafalda di Savoia presso il Prolungamento,su una lunghezza di circa 400 metri. Per partecipare ogni ragazzo dovrà cercare uno o più sostenitori (genitore, parente, amico…) disposti ad offrire un contributo in denaro per ogni giro di corsa realizzato, contributo che verrà destinato a due progetti della rete Caritas per il recupero dei ragazzi sfruttati sul lavoro. L’alunno stesso potrà auto sostenersi stabilendo una cifra a giro, attraverso il frutto di alcune sue rinunce personali. L’iniziativa si inserisce nelle attività di animazione sociale locale per raggiungere l’obiettivo dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro di eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: