Cultura e Musica

Tornano i Concerti della Sibilla, rassegna di musica da camera nella Fortezza del Priamar

Tornano i Concerti della Sibilla, la rassegna di musica da camera che ha consentito, lo scorso anno, a centinaia di savonesi di conoscere la “loro” sala della Sibilla, recentemente restaurata e dotata di un’eccezionale acustica. I concerti sono ad ingresso libero. Spiega il sindaco Federico Berruti: «La sala della Sibilla è uno dei nostri fiori all’occhiello. Dopo il restauro si è rivelata, a detta di tutti, come una delle sale da convegno e concerti più belle della Liguria. Queste iniziative sono studiate per promuoverne la conoscenza presso quei cittadini che non hanno occasione di frequentarla in altre occasioni».

La rassegna comincerà domani, venerdì 18 alle 17, con il Kaleiduo formato da Tito Ciccarese al flauto e Gianni Fassetta alla fisarmonica. I due artisti proporranno un Un viaggio nel Novecento musicale con musiche di Debussy, Morricone, Carpi, Nanni, Betta, Monti, Piazzolla. La serie continuerà giovedì 24 maggio con Sensations Quintet (Massimo Signorini, fisarmonica; Renata Sfriso e Anastassia Ossipova, violino; Riccardo Masi, viola e Laura Goretti, violoncello) che offrirà un programma di musiche di Vivaldi, Dvoràk, Bartòk, Gardel, Galliano, Piazzolla. Domenica 27 maggio, infine, toccherà Manuel Staropoli (traversiere e flauti), Massimo Marchese (tiorba) e Manuel Tomadin (clavicembalo) per un concerto dedicato a L’arte del flauto nell’Europa barocca che servirà da presentazione del disco Robert de Visée. La musique de la chambre du roi. Tutti i concerti sono alle 17.

 

Biografie degli artisti di Kaleiduo

Tito Ciccarese, nato a Cesena nel 1961, ha iniziato gli studi nella sua città sotto la guida di Giovanni Gatti al Conservatorio di Musica «G. B. Martini» dove poi si è brillantemente diplomato. Si è perfezionato con William Bennett, Aurèle Nicolet, Patrick Gallois, János Bálint. Particolarmente attivo in ambito cameristico, grazie soprattutto agli insegnamenti ed all’amicizia con il M° Guido Corti, ha fatto parte di vari ensemble con i quali è stato premiato in numerosi concorsi nazionali ed internazionali. Ha suonato per importanti associazioni (Gioventù Musicale Italiana, A.GI.MUS., Ente Filarmonico per il Mezzogiorno, Tecne Italiana Musica, Ass. Mozart Italia, Accademia Filarmonica di Bologna, Soc. Buzzolla – Adria, Alcamo, Sarzana, Ravello, Capri, Avellino, Firenze, Torino, Siena, Pordenone, Pistoia, Grosseto, Ancona, Macerata, Palazzo Campana – Osimo, Ravenna, Ferrara, Parma-Teatro Cinghio, Venezia – Chiesa di Vivaldi, Perugia, Milano – Ass. Amici del Loggione del Teatro alla Scala, Roma – Cortile dei Musei Capitolini di Piazza del Campidoglio – Sala Paolina di Castel Sant’Angelo) e festival (Estate Teatrale Veronese, Rassegna Malipiero – Asolo Musica, I Suoni del Tempo – Cesena, Agnone, Pitigliano, Primavera Musicale Volterrana, Benevento Classica, Cennina, Piemonte Musica, Melfi, Todi, Koszalin, Danzica, Palma de Mallorca, Salisburgo, Zagabria, Setmana Internazionale di Musica Italiana – Craiova). Si è esibito in veste solistica con orchestre, ed ha tenuto concerti in Austria, Svizzera, Francia, Germania, Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia, Spagna, Isole Baleari, Portogallo, Polonia, Lettonia, Croazia, Kosovo, Romania, Bulgaria, Canada, U.S.A. (New York – Carnegie Hall), Russia. Tanti sono stati i riconoscimenti e gli apprezzamenti del pubblico e della critica, ma è soprattutto in questo ultimo periodo che raggiunge gli obiettivi più prestigiosi; dopo l’esibizione alla Carnegie Hall di New York dello scorso 2009, infatti, ha recentemente eseguito, accompagnato dalla Russian Chamber Orchestra, la Suite in SI minore di J. S. Bach in Russia. Nei prossimi mesi, poi, si esibirà in festival di Polonia, Svezia, Spagna e, oltre ad una tournée in Giappone, sarà al fianco di grandi solisti russi nell’esecuzione dell’Offerta Musicale di J. S. Bach al Conservatorio “Tschaikowsky” di Mosca.

Gianni Fassetta inizia lo studio della fisarmonica all’età di sei anni con Elio Boschello di Venezia, distinguendosi subito per facilità tecnica ed interpretativa. Ha seguito corsi di perfezionamento con Friedrikh Lips e Wladimir Zubintskj. Divenuto ben presto un virtuoso della fisarmonica, si è classificato al primo posto in quindici concorsi nazionali ed internazionali ed ha partecipato a registrazioni Rai Tv, reti regionali e straniere. Ha suonato in Italia (Sala “Nervi” del Vaticano alla presenza di Papa Giovanni Paolo II, Festival dei Due Mondi – Spoleto, Università La Sapienza – Roma, Giardini Reali – Torino, Teatro Goldoni – Venezia, Teatro Eden – Napoli, Auditorium Parco della Musica e Villa Pamphili a Roma, Villa Rufolo – Ravello Festival, Estate Musicale di Villa Manin di Passariano) e all’estero (Argentina, Austria, Canada, Francia, Germania, Pakistan, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia Svizzera e Ungheria). Da sottolineare la tournée in Argentina nel novembre 2001 dove si è esibito anche al Teatro Colòn di Buenos Aires in presenza di Laura Escalada Piazzolla; quest’ultima, concorde con la critica, lo ha collocato tra i migliori interpreti di Astor Piazzolla. È molto attivo anche nella musica cameristica: suona in duo con il prestigioso violinista Glauco Bertagnin, è il fisarmonicista del Piazzollando Trio (vincitore del Concorso Internazionale “Amadeus” 2000) e del Remo Anzovino Trio con il quale ha inciso i cd “Dispari” e “Tabù”e sta riscuotendo grandi consensi in prestigiosi festival internazionali (Umbria Jazz Winter, Napoli Jazz Festival, 64^ Mostra del Cinema di Venezia, Abbazia di Sesto al Reghena, Feltrinelli di Roma, Auditorium Demetrio Stratos Milano, European Jazz Expo di Cagliari, Norapolis Festival di Metz – Francia, Festival Sete Sois Sete Luas – Lisbona). Dal luglio 2009 collabora con Nicola Piovani. Nelle vesti di solista ha suonato con le orchestre: “Insieme Musicale Novecento”, Orchestra “Gianfrancesco Malipiero”, Interpreti Veneziani, Orchestra “La Serenissima”, Orchestra “S. Marco”, Orchestra del Conservatorio di Venezia “Benedetto Marcello” diretta dal M° Dini Ciacci). I compositori Remo Anzovino, Giorgio Susana, Mario Pagotto, Paolo Pessina, Daniele Zanettovich hanno scritto per lui. Ha allargato le proprie esperienze collaborando con compagnie teatrali e musicando poesie di vari artisti: Pino Rovereto (Premio Campiello 2005) e Giuseppe Malattia della Vallata (Premio Letterario Internazionale) lavoro quest’ultimo pubblicato nel cd “Evocazioni” del 1999. Nel 2002, invece, ha inciso “Reflejo”, cd monografico sulla produzione di Astor Piazzolla. Ha partecipato alla realizzazione della colonna sonora del film “Vajont” di Renzo Martinelli, componendo due brani per fisarmonica e quartetto d’archi, ora editi dalla casa discografica Sugar Music di Milano. Insegna Fisarmonica all’Istituto musicale S. Cecilia di Portogruaro, al Conservatorio Statale di Musica “Tomadini” di Udine e tiene numerosi corsi di perfezionamento.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: