lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > Treno della neve, treno della discordia

Treno della neve, treno della discordia

L'Assessore Berrino ritiene non fattibile il collegamento Genova - Limone

“Che fine ha fatto il treno della neve che avrebbe dovuto collegare Genova, con partenza da Sestri Levante, a Limone Piemonte e alle località sciistiche del Monregalese?” A dicembre il Consiglio regionale aveva approvato un ordine del giorno del Gruppo del Partito Democratico, il cui testo esortava la Giunta ligure a valutare il ripristino di quella linea di trasporto, almeno nel perido in cui si svolgerà la Coppa del mondo di sci paralimpico, in programma a Limone dal 15 al 18 gennaio – ovvero la prossima settimana – con la possibilità di mantenere il servizio anche dopo questo evento sportivo”, tale la richiesta del consigliere regionale del Partito Democratico, Pippo Rossetti, alla giunta Toti.

“Ma finora dalla Regione non è arrivato alcun segnale. Cosa ha fatto l’assessore Berrino per rispondere concretamente a questa richiesta dell’aula? Si è confrontato con il suo collega piemontese? Al momento nessuno ne sa più nulla e, ancora una volta, un impegno preso con i cittadini non è stato rispettato – così si è espresso Rossetti -. Il treno della neve, per anni, è stato una vera e propria istituzione per gli sciatori liguri e si è sempre rilevato utilissimo soprattutto per anziani, disabili e bambini che potevano spostarsi con il mezzo pubblico per raggiungere le località montane, senza alcun cambio a Savona. Per il ripristino di questa linea è stata fatta anche una raccolta firme a dimostrazione di come la questione sia molto sentita dalla cittadinanza. Se d’inverno un treno diretto tra riviera e montagne può essere utile per chi va a sciare, d’estate questo convoglio potrebbe trasportare i turisti piemontesi che desiderano venire al mare in Liguria, evitando le lunghe code in autostrada”.

L’assessore regionale ai trasporti, Gianni Berrino, non ha tardato a rispondere alle osservazioni mosse dal consigliere Rossetti e così ha affermato:

“Come per tutti gli ordini del giorno ho verificato la fattibilità del treno richiesto. Ebbene: non è fattibile per il percorso indicato e per i costi che Regione Liguria non può sostenere per treni straordinari limitati ai tre giorni della Coppa del mondo di sci alpino paralimpica. Ad ogni modo ricordo che per raggiungere Limone in Liguria abbiamo già ottimi treni, attrezzati al trasporto disabili, che da Genova vanno a Savona da dove passando per Fossano con un doppio cambio si raggiunge la località sciistica; a Ventimiglia invece si può prendere il treno della neve pagato da Regione Piemonte. Pertanto l’accessibilità a Limone per i portatori di handicap è assicurata”.

“Chiedo per curiosità al consigliere Rossetti per quale motivo, visto che il treno della neve ligure è stato effettuato forse fino a prima di metà degli anni ’90 e visto che è stato nella giunta regionale di centrosinistra per dieci anni, non abbia pensato a suo tempo a ripristinarlo insieme al suo collega assessore ai trasporti“, conclude Berrino.

E’ forse vero che pure la Giunta precedente, se lo avesse avuto a cuore, avrebbe potuto ripristinare l’interessante e tutt’altro che inutile percorrenza ferroviaria da Genova e Limone, ma risulta comunque che già essa esisteva e pertanto non si vede come non possa essere ripristinata, con opportuni accordi con Trenitalia, oggi idolo di Berrino e della Giunta regionale, quando invece, più volte, era stata destinataria di giuste critiche da parte degli stessi amministratori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *