Attualità

Trionfa il nozionismo nel test di ammissione a Guida turistica

Dopo aver scaricato da internet il test di ammissione all’esercizio della professione di guida turistica, svoltosi circa un mese fa, e dopo aver esaminato le domande sottoposte ai circa 65 candidati, appare evidente che lo scopo del test non era quello di verificare l’adeguata preparazione dei candidati, quanto quello di limitare il più possibile il numero delle guide turistiche abilitate.

Scopo raggiunto, perché un solo candidato ha superato l’esame. Ora, che in provincia di Savona le guide abbiano difficoltà a trovare lavoro, è cosa nota, anche perché, mentre il movimento turistico mondiale è in aumento, la Liguria non riesce nemmeno a mantenere la propria quota di presenze. Tuttavia un esame è pur sempre un esame e, quantomeno, ci si aspetterebbe che le domande riguardassero i luoghi ed i monumenti di maggior interesse artistico, culturale e turistico. Invece la prima cosa che si nota è che, fra le domande riguardanti Savona, quindici in totale, non ne figura nemmeno una concernente il Priamar, forse storicamente il luogo più importante della città. In compenso troviamo un clamoroso errore alla terza domanda, riguardante un importante architetto italiano, il cui nome però, non si trova in nessuna delle risposte da segnare! Il palazzo in questione è il palazzo Della Rovere e l’architetto Giuliano da Sangallo. Anche la risposta sulla Cappella Sistina di Savona è opinabile, perché non esiste un documento certo sull’inizio della costruzione. Alcune domande sono poste in maniera confusa, come quella sui Del Carretto, che discenderebbero da una Marca. Solitamente le persone discendono da altre persone, per cui sarebbe stato corretto affermare che i Del Carretto discendono dagli Aleramici, non dalla Marca Aleramica. Così come è poco chiara la domanda sul Fungo di Piana, che non è posto in luogo pianeggiante, e pertanto il “quanto è alto” andava sostituito con un più corretto “ qual è l’altezza massima”; altra domanda poco chiara è la 58, dove si parla di produzione del chinotto fa Varazze e Finale, ma dove sono i produttori fra Varazze e Savona? La risposta fra Savona e Albenga è sbagliata? Alla domanda 26 figura una risposta ritenuta errata: l’esistenza di una necropoli altomedievale nel sito di San Pietro in Carpignano. Non vi è stata rinvenuta forse una lapide longobarda? E, alla domanda 40, “dove sono stati rinvenuti siti di origine preistorica?”, non si capisce perché non venga ritenuta corretta la risposta “Altopiano delle Manie”, tanto più che la specificazione (una strada lastricata megalitica) che segue, non è indice di sito preistorico. Anche alla domanda precedente, la 39, figura una risposta, “Nino Lamboglia”, che non si capisce per quale motivo venga ritenuta errata. Altra domanda posta in modo confuso è la 45, laddove si parla di Borghi più belli d’Italia, senza virgolettare e specificare che si tratta di un club. cioè un’entità privata, e non si indica la dizione completa di Castelvecchio di Rocca Barbena. Non manca un banalissimo errore di grammatica alla domanda 60 (essicata), domanda quantomeno confusa, perché parla di un prodotto, il carciofo violetto di Albenga, che non risulta tale e quindi, non andava inserito fra le risposte. Ancora: la domanda 34 si presta a confusione. Si parla di “fase preistorica” in riferimento al neolitico, che, in genere, viene considerato come un “periodo” o un”età” ; sulla base della cultura dei vasi a bocca quadrata viene “proposta” una divisione in periodi del neolitico, e si parla di due fasi del neolitico medio. Ancora una volta la proposizione della domanda non sembra corretta. Mi fermo qui per esigenze di spazio: mi chiedo semplicemente se queste domande, che sanno tanto di Rischiatutto, abbiano una precisa relazione con l’esercizio della professione di guida turistica. Siamo proprio sicuri che una buona guida turistica debba saper distinguere gli gneiss dai serpentiniti?

Filippo De Nobili

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: