Cultura e Musica

Tutto esaurito per la prima della Bohème al Priamàr

Mancava solo la neve nel terzo quadro, il resto c’era tutto: parliamo della Bohème pucciniana, bella rappresentazione che venerdì 22 giugno scorso ha inaugurato la nona stagione estiva del Teatro dell’Opera Giocosa al Priamàr di Savona. Un’inaugurazione grandiosa specialmente per la regia di Ivan Stefanutti, che come scenografo non si è risparmiato nulla: ora offre al pubblico la misera fredda soffitta dei bassifondi parigini, ora stravolge completamente il quadro con una squadra che smonta al completo la scenografia e provvede a farci vivere un secondo atto in cui ci immergiamo in un Quartiere Latino (vedi foto) fatto di piazze, di scale, di ladruncoli, di monelli, di innamorati, di donnine allegre e del passaggio finale della banda: quante voci, quante immagini e quante parentesi sotto gli apprezzati Coro Lirico Veneto ed il Coro di Voci Bianche Piccolo Cantori di San Bortolo (Maestro  per entrambi Giorgio Mazzuccato).

Regina della scena sicuramente Yolanda Auyanet nei panni della protagonista Mimì, ben sicura di sé, affiancata da Gabriella Costa nel ruolo di Musetta. Nei panni del mitico Rodolfo il tenore Giordano Lucà, Simone Piazzola nei panni di Marcello, Donato di Gioia in quelli di Schaunard, Giuseppe Nicodemo nel ruolo di Colline.Nel terzo quadro a consolazione c’era la nebbia, e qui è sicuramente mancato un goccio di recitazione da parte di Lucà quando si accorge della presenza di Mimì, ma che meraviglia le venditrici di latte e le contadine, gli spazzini e i carrettieri… Rimetteranno mica a posto tutto per il quarto atto? Sì, infaticabili, riecco gli addetti sul palco, e riecco la vecchia soffitta con il letto dove Mimì spira senza che nessuno se ne accorga…Il  maestro Direttore Stefano Romani ha ben diretto l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta che già abbiamo conosciuto in passate stagioni; coproduzione del Teatro Sociale di Rovigo, del Teatro Comunale di Padova, del Teatro dell’Opera Giocosa e del Teatro Donizetti di Bergamo.Prossimo appuntamento in calendario sabato 14 luglio (replica domenica 15), ore 21.15, per il Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart (martedì 10 luglio, stessa ora, ci sarà l’Anteprima Due Generazioni insieme a teatro con prezzi scontati per giovani fino a 16 anni e anziani sopra i 65, rispettivamente 10 euro e 15). Il cast: Simone Alberghini, Irina Dubrovskaya, Francesco Marsiglia, Manrico Signorini, Anna Maria Chiuri, Simone Del Salvio, Linda Campanella e Matteo Peirone. Il M° Giovanni Di Stefano dirigerà l’Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice di Genova (M° del Coro Marco Balderi); M° al mandolino Carlo Aonzo; regia di Elisabetta Courir.

 Laura Sergi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: