Politica

Udc: convegno sui nuovi vincoli per il bilancio dei comuni

Successo di partecipanti nella Sala Rossa del comune di Savona, all’incontro organizzato dall’ Udc Provinciale di Savona sul tema “I nuovi vincoli per i bilanci dei comuni”. Relatore è stato il dottor Francesco Delfino, già ragioniere capo del comune di Savona fino agli anni novanta ed oggi, dopo essere stato consulente del Ministero dell’Interno, è membro della commissione tecnica per l’attuazione del federalismo fiscale. Alla manifestazione, aperta dal segretario provinciale Roberto Pizzorno, hanno partecipato numerosi amministratori locali Udc della Provincia e altri amministratori del comune di Savona e dei paesi limitrofi.

I temi trattati durante l’incontro sono stati molteplici: dal patto di stabilità, argomento sulla bocca di tutti, anche se pochi sanno veramente il motivo per cui è impedito agli Enti Locali di spendere soldi che sono già nelle loro casse, alle nuove tasse, in particolare l’ Imu. E poi la nuova Tesoreria Unica Nazionale e la formazione dei bilanci degli Enti Locali. Il dottor Francesco Delfino profondo conoscitore della materia, ha relazionato per oltre due ore, rispondendo, al termine dell’incontro, alle numerose domande dei presenti. Afferma il segretario provinciale Roberto Pizzorno:”Siamo soddisfatti per la buona riuscita di questo evento. Noi siamo un partito che intende essere presente nella vita amministrativa della città di Savona e della Provincia con idee e proposte che abbiano il pregio di essere realizzate. Per fare proposte serie bisogna conoscere le norme, capirle e cercare di inquadrare, all’interno di esse. Noi siamo un partito che si rivolge ad un elettorato moderato, serio e rispettoso delle leggi. Un elettorato che non crede alle facili demagogie e che non apprezza le esternazioni estemoranee come quelle che sovente si sentono da parte di amministratori pubblici che si vantano di non rispettare, per il futuro, alcune norme di legge ben sapendo che non potranno farlo” Conclude Pizzorno:”L’Udc ritiene che il ribellarsi, anche solo a parole, alle leggi vigenti, anche a quelle che non ci piacciono, sia un ulteriore elemento di disgregazione sociale che non solo risolve i problemi, ma aggrava quelle esistenti. Noi vogliamo renderci conto di quali sono i margini di operatività, ammesso che ce ne siano all’interno dei quali operare scelte e fare proposte che abbiano il pregio della realizzabilità. Abbimo bisogno di capire ed abbiamo bisogno di essere aiutati da chi ha l’esperienza e l’autorevolezza di farlo”

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: