Musica

“Un cuento chino” questa sera alla spiaggia libera dei Pescatori

A Noli i colori del cinema,  rassegna organizzata dal Comune di Noli, in collaborazione con l’associazione culturale no profit Kinoglaz, è tempo di commedia, di un film che sa mescolare sottile umorismo, risate, riflessioni sulla possibilità di crescere nelle differenze e nei sentimenti comuni con esseri umani che si trovano ai nostri antipodi, sia geograficamente che umanamente parlando. Questa sera alle ore 21.30 alla spiaggia libera dei Pescatori, ingresso gratuito, appuntamento con “Un cuento chino” di Sebàstian Borensztein, proiettato in prima mondiale al Festival di Roma 2011 dove ha vinto il Premio della Giuria e del pubblico.

Il titolo (espressione idiomatica che sta per “racconto straordinario” o “bizzarro”) rivela un autore originale, dallo stile elegante e discreto, ironico quanto realistico, tra Dickens e cartoon per una storia ambientata tra l’Argentina e il suo antipodo (cosa c’è dall’altra parte del mondo se potessimo scavare scavare e arrivare dall’altra parte?): la Cina. Il film gioca con elementi che vengono rilevati uno alla volta, permettendo allo spettatore di entrare nella vicenda. Una mucca precipita dal cielo e cade su una barca dove ci sono due fidanzatini cinesi proprio pochi istanti prima che il ragazzo pronunci la domanda di rito all’amata. Poi la macchina da presa sembra fare un giro di 180° e ci ritroviamo dall’altra parte, in Argentina dove il ragazzo si è trasferito in cerca di uno zio. A Buenos Aires, invece dello zio verrà letteralmente raccolto da terra da Roberto, figlio di immigrati italiani giunti in Sudamerica dopo la Seconda guerra mondiale, commerciante di un piccolo negozio di ferramenta, misantropo, abitudinario, scontroso e restio ai rapporti d’amicizia, anzi letteralmente arrabbiato col genere umano e soprattutto nei confronti degli inglesi per via della guerra nelle Falkland. Dall’altro lato Jun sa parlare solo cinese, non riesce a stabilire rapporti e accetta passivamente l’aiuto dell’argentino. Ma da queste differenze-incomunicabilità da ‘strana coppia’ (come ne abbiamo viste tante nel cinema, soprattutto nella commedia italiana e non solo), giorno dopo giorno nascerà una storia che si arricchisce di valori umanitari e di elementi inconsueti per parlare di immigrazione, dell’incontro possibile con l’altro attraverso i toni anche, perché no, della commedia ironica. Protagonista Ricardo Darin che già offrì un’ottima interpretazione nel film premio Oscar Il segreto dei miei occhi che qui è spassosamente arguto e sa donare al suo personaggio quel giusto mix di bonarietà e ombrosità che sanno rendere anche spassoso il suo Roberto. In caso di maltempo sotto la Loggia della Repubblica, a fianco del Palazzo Comunale.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: