Cultura e Musica

Un pannello didattico su Mazzini alla Fortezza del Priamar

Sabato 10 marzo 2012 ricorre il 140° anniversario della morte di Giuseppe Mazzini, avvenuta il 10 marzo 1872. Mazzini, come è noto, rimase in prigionia nella fortezza savonese del Priamar in una cella ancora oggi esistente. La cerimonia inizierà in Sala Rossa, a Palazzo Civico, alle ore 10,30 con i saluti del Presidente A.M.I. (Associazione Mazziniana Italiana – Savona) Luciano Danè, del Sindaco di Savona Federico Berruti, del Vicepresidente nazionale A.M.I. Lorenzo Brunetti Buraggi e con l’intervento del Prof. Sergio Masini del Dipartimento della Funzione Pubblica che parlerà de “la Terza Roma del Popolo”.

Alle ore 12,00 ci sarà la formazione del corteo e la deposizione di una corona d’alloro alla lapide commemorativa sugli spalti del Priamar, seguita dalla visita alla cella di Mazzini. Qui, nei locali adiacenti alla cella, nel Palazzo del Commissario, verrà inaugurato lo spazio espositivo didattico sul Risorgimento, realizzato grazie ad un finanziamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito delle Celebrazioni del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. Interverranno il Sindaco di Savona Federico Berruti, il Presidente della Società Dante Alighieri di Savona Anna Maroscia, il già citato Vicepresidente nazionale A.M.I. Lorenzo Brunetti Buraggi e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Paolo Peluffo.
Il progetto prevede un pannello con display luminoso, un elemento di circa 9 metri lineari, al quale sarà affidato il compito di narrare le vicende della vita di Mazzini. Si tratta di un lungo pannello retroilluminato che accompagnerà i visitatori nel percorso verso l’adiacente cella di Mazzini.
L’esposizione permanente, essenzialmente didattica, racconta le vicende del giovane Mazzini attraverso pannelli illustrativi della sua vita, delle sue prime prove di cospiratore, dei giovani che formò e con cui fu a contatto. Attraverso la lettura di brani mazziniani, sono raccontati i tempi, le modalità, gli umori legati ai periodi di prigionia dell’Esule ricreando nel modo più fedele lo scenario da cui prese le mosse la svolta che tanto avrebbe significato per la nascita dell’Italia come Nazione. La cella del Priamar torna ad avere il suo significato centrale nelle vicende giovanili di Mazzini, mettendo in risalto il lato umano del personaggio a partire dal luogo in cui fu prigioniero.
La mostra curata da Giuseppe Monsagrati e Anna Villari è stata progettata ed allestita dallo Studio Next Urban Solutions. E’ opinione diffusa tra gli storici e tra i biografi di Mazzini che il periodo più fecondo e intellettualmente produttivo della sua vita sia stato quello della giovinezza. E’ infatti nell’arco di tempo compreso tra il 1827, quando a ventidue anni redige il suo primo scritto Sull’amor patrio di Dante, e il 1835, quando pubblica un testo di capitale importanza come Foi et Avenir in cui condensa il nucleo forte del suo pensiero religioso, che egli, mettendo a frutto sia le ampie letture della sua prima formazione culturale sia le riflessioni dettategli dalle esperienze dell’esilio, elabora la sua dottrina del patriottismo repubblicano e unitario e allo stesso tempo detta le linee da seguire perché essa si realizzi. Tutto quello che avverrà dopo sarà quasi sempre, pur nella ricchezza e nella varietà delle iniziative mazziniane, l’applicazione di queste premesse teoriche, segno di una coerenza difficilmente riscontrabile nelle esistenze di altri rivoluzionari. In termini politici, sono gli anni in cui Mazzini passa dalla prima militanza carbonara all’invenzione di una strategia completamente diversa, per molti versi antitetica a quella sulla quale ha mosso i suoi primi passi. Peraltro fu Mazzini stesso, in quella che è considerata la sua autobiografia, a caricare di un significato che forse non ebbero i mesi da lui vissuti in una cella della fortezza di Savona, presentandoli come l’opportunità offertagli involontariamente dalle autorità sabaude per meditare sui limiti dei metodi di lotta della Carboneria e sulla necessità di superarli attraverso una costante correlazione tra il pensiero e l’azione, tra l’educazione capace di creare una coscienza nazionale e i mezzi per tradurla in atto: fu questo a fare di lui non un istigatore di sommosse e tanto meno un fanatico terrorista ma un rivoluzionario, nell’accezione che il termine ebbe fino a tutto l’Ottocento. Malgrado possano risultare affascinanti già solo da un punto di vista puramente emotivo per il clima romantico in cui si svolgono, i passaggi più significativi di questo lungo e sofferto travaglio interiore non sono molto conosciuti. Si ignora generalmente come essi siano punteggiati di momenti di esaltante creatività e di intensa dialettica con altri protagonisti di questa fase del Risorgimento; si trascurano spesso le prove durissime che sul piano umano come su quello meramente cospirativo questo giovane Mazzini, staccato dalla famiglia, inseguito dalle polizie di mezza Europa, colpito non di rado dalla perdita di alcuni compagni di lotta, dovette affrontare e superare avendo come unico punto di sostegno la certezza di essere nel giusto nel momento in cui rivendicava l’assoluta irrinunciabilità di un riscatto della dignità nazionale conculcata da secoli di dominazione straniera: un riscatto che sarebbe stato soltanto fittizio se non avesse avuto luogo attraverso la partecipazione attiva del popolo italiano o se, come avvenuto in passato, avesse dovuto fare appello alla protezione di qualche potenza straniera.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: