Economia

Un savonese su cinque lavora nel commercio

Il commercio, in provincia di Savona, rappresenta l’11% del valore aggiunto e il 22% dell’occupazione (15.300 addetti nel 2010): un pilastro dell’economia locale, radicato e diffuso sull’intero territorio con 6.914 strutture al dettaglio, il 96% delle quali (6.651) costituito da “esercizi di vicinato”, cioè il classico negozio. Le medie strutture commerciali sono 84 e quelle grandi 8.  La consistenza della rete distributiva, misurata dall’Osservatorio Regionale sul Commercio attraverso un’analisi dei dati raccolti dal sistema camerale in collaborazione con i Comuni liguri, è stata presentata oggi, alla Camera di Commercio di Savona, da Regione Liguria e Unioncamere Liguria.

Preceduti dall’intervento introduttivo del vicepresidente camerale Vincenzo Bertino (nella foto) e coordinati dal segretario generale di Unioncamere Liguria Maurizio Scajola, sono intervenuti il direttore dell’Istituto Studi e Ricerche Alberto Ravecca e la dirigente del servizio Politiche di Sviluppo del Commercio di Regione Liguria Serenella Milia. Conclusioni affidate all’assessore regionale allo Sviluppo Economico Renzo Guccinelli. Un focus particolare, nell’ambito della ricerca su scala ligure, è stato dedicato alla situazione del settore distributivo al dettaglio in provincia di Savona. “Fotografia” che ha messo in evidenza luci e ombre, punti di forza e di debolezza, e che tra mille difficoltà dovute alla mancanza di un “data base” precedente, ha cercato di tracciare un trend di medio periodo per capire dove sta andando il terziario commerciale savonese. “La nostra certezza – ha osservato il vicepresidente camerale (e presidente provinciale di Confcommercio) Vincenzo Bertino – è che si tratta di un comparto a forte vivacità economica, dove si susseguono aperture e chiusure, dove ci sono valide professionalità e non mancano gli investimenti, alle prese con continui adattamenti al mercato, ricco di passaggi generazionali e di cessioni d’azienda. Ma è anche un comparto che deve fare i conti con la crisi, con l’abusivismo, con piccoli e grandi balzelli, con la chiusura dei rubinetti del credito”.
La rilevanza economica del commercio è sottolineata dal raffronto con alcuni parametri regionali. La provincia di Savona “vale” il 17,9% della popolazione ligure, il 18% dell’occupazione e il 18,1% del reddito. A fronte di questa incidenza, la rete distributiva al dettaglio savonese rappresenta il 22,3% dei punti vendita liguri e il 21,1% della superficie totale destinata alla vendita. Il problema è che nell’arco degli ultimi 10 anni, l’incidenza del comparto commerciale sul valore aggiunto provinciale è scesa di 2 punti, dal 13 all’11%, mentre quella occupazionale è salita di un punto (dal 21 al 22%).
Sono numeri giustificati e determinati dalla forte consistenza del movimento turistico. Lo prova il fatto che mentre di solito un comune capoluogo assorbe una quota rilevante del commercio provinciale, la città di Savona dispone solo del 17% della superficie totale provinciale destinata alla vendita. Per densità di negozi in rapporto alla popolazione, il primo Comune è Alassio, con 500 esercizi, ma è notevole anche la dotazione di Albenga (883 esercizi con poco più di 20 mila abitanti) mentre Savona è a quota 1.556, ma con 64 mila residenti.
Considerando invece la superficie di vendita, Alassio scende nella graduatoria, allineandosi sui valori di cittadine come Loano e Finale Ligure (circa 27 mila metri quadrati totali). Il primato è di Savona con oltre 99 mila mq, ma Albenga non è lontana (76 mila mq) e Cairo Montenotte sale al terzo posto con 34 mila mq. Savona città ha comunque un primato regionale: è il capoluogo ligure con maggiore densità di grandi strutture nel settore alimentare. E del resto questa sembra la specializzazione più rilevante del commercio provinciale: su 477 mila mq di superficie totale di vendita, 151 mila mq sono destinati ai generi alimentari; e circa un terzo di questa superficie è occupata dalla media e grande distribuzione.

Angelo Damiani

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: