Attualità

Una domenica di fede a Santa Giustina

La processione religiosa in onore di San Giacomo nella frazione di Stella Santa Giustina , in programma per Domenica 29 luglio, si è svolta con il tradizionale seguito di fedeli e di Confraternite accorse ed in sicurezza grazie alla messa in atto della sospensione temporanea della circolazione, in entrambi i sensi di marcia, sulla provinciale 334 “del Sassello”, nel tratto compreso tra il chilometro 12+600 (piazza della Chiesa) e il chilometro 12+300 e ritorno. La confraternita del Santissimo Sacramento ha animato la festa del compatrono san Giacomo: alle 19 Messa e a seguire la processione per le vie del paese.A proposito della bella chiesetta ubicata in prossimità del ponte sul Sansobbia, trattasi un edificio religioso che è sede della parrocchia omonima del vicariato di Albisola-Stella della diocesi di Savona-Noli. In precedenza esisteva già un qualche monastero in piena epoca medievale. La zona infatti era possedimento dei monaci dell’abbazia di Santa Giustina di Sezzadio, in provincia di Alessandria, ed è attestata la presenza di una chiesa di Santa Giustina sulla strada (un tempo privilegiata) che dalla frazione di San Martino collegava direttamente a Giovo Ligure passando a mezza costa. Dal Cinquecento in poi si iniziò a preferire il tracciato a fondo valle, con il conseguente sviluppo dell’attuale abitato e l’abbandono della vecchia chiesa con annessa locanda e ostello per i viandanti che ben presto andarono in rovina. Una nuova chiesa fu realizzata nell’attuale centro storico della frazione e dedicata alla Madonna dei Sette Dolori e a San Giacomo. Essa è oggi trasformata in abitazione privata. Il territorio rimase comunque sempre diviso tra la parrocchia di San Bernardo (riva destra del Sansobbia e di San Giovanni (riva sinistra) fino all’erezione a parrocchia di Santa Giustina nel 1853. È in quegli anni che si costruisce l’attuale edificio.Nella memoria storica del paese si ricorda ancora che i boscaioli e i contadini ogni volta che scendevano a valle portavano con sé sui carri alcune pietre destinate alla realizzazione della chiesa. L’edificio è a navata unica, con linee semplici e privo di pitture paretali o affreschi. Un organo a canne, opera di Giovanni Battista Dessiglioli (1901), si trova sopra la balconata che sovrasta l’unico ingresso, in controfacciata. L’altare maggiore ha un profilo semplice così come il coro ligneo.

Sono conservate all’interno due statue lignee ottocentesche di San Giacomo e Santa Giustina e due piccoli crocifissi processionali. Da notare alcune ceramiche dell’artista contemporaneo Tony Salem e una tela cinquecentesca di Luca Cambiaso. Da vedere inoltre il curioso ritratto con cornice di reperti fossili (prima cappella a sinistra) di Don  Perrando(1817-1889). Naturalista autodidatta fu parroco di Santa Giustina per molti anni. Si occupò di geologia e paleontologia raccogliendo molti fossili nella zona, oggi conservati al Museo di storia naturale Giacomo Doria di Genova e nel Museo Perrando di Sassello. San Giacomo era discepolo di Gesù e assistette con Pietro alla Trasfigurazione, alla resurrezione della figlia di Giairo e alla notte del Getsemani. Morì martire nel 42. La sua popolarità è dovuta alle spoglie, traslate da Gerusalemme in Spagna, e scoperte al tempo di Carlomagno divenute meta di grandi pellegrinaggi medioevali. Il “Cammino di Santiago” ancora oggi è battuto da milioni di pellegrini ed è Patrimonio dell’Umanità Unesco

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: