Cultura e Musica

Una mostra sulla storica battaglia di Loano

Resterà allestita fino al 29 aprile, a Loano, la mostra dedicata alla Battaglia di Loano, promossa dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano e organizzata dalla 51eme Demi Brigade de Bataille di Loano. Nel Palazzo Doria si potranno ammirare documenti, armi e reperti della storica battaglia che si è svolta sul territorio loanese. Avvenimento storico pre-napoleonico, avvenuto nel Novembre del 1795, la Battaglia di Loano ha visto contrapposte le Armate Rivoluzionarie Francesi (Armata d’Italia), le Armate Imperiali Austriache (Armata di Lombardia) e le Armate Reali Sarde ed ha avuto una grande importanza per la successiva espansione napoleonica sui territori italiani, tanto che l’Arco di Trionfo a Parigi la riporta come prima iscrizione.

La mostra, curata da Alessandro Garulla, riunisce pezzi rari di uniformi d’epoca e ricostruite ( pari agli originali), tanti e rari cinturoni d’epoca, numerose gorgiere originali da ufficiale dell’esercito rivoluzionario, tutte portanti fregi in argento con i vari motti in voga nel periodo di espansione della rivoluzione francese ( Morte ai tiranni, vincere o morire, liberta eguaglianza fraternità, diritti dell’uomo…). Inoltre sono esposte armi ( tutti i tipi di fucili regolamentari ) in uso ai tre eserciti partecipanti alla battaglia, compreso le relative baionette, i modelli speciali da tiratore scelto, le pistole e le carabine in uso alle varie cavallerie e le sciabole.  Una sezione della mostra è dedicata a documenti originali di grandissimo valore storico: la relazione originale della battaglia fronte sud ( Divisione Augereau, Brigata Victor), la lettera originale in cui il Generale di Divisione Charlet ( morto nella Battaglia di Loano 4 giorni dopo averla scritta) ordina al Generale Cervoni l’ultima avanscoperta conoscitiva dietro le linee nemiche a Roccaberbena, punto dove l’esercito francese vuole sfondare il fronte ( operazione magistralmente riuscita 4 giorni dopo), lettere di altri generali, congedi di riforma di rivoluzionari di feriti nella battaglia di Loano. Si possono poi ammirare le incisioni d’epoca o di poco successive sulla battaglia di Loano (compresi studi e vedute fatti all’epoca dai francesi e mai pubblicati, conservati a Parigi nel l’archivio dell’armee de tere) e le incisioni di molti personaggi presenti allo scontro armato compresi i sette ufficiali francesi che napoleone promuoverà successivamente a Marescialli di Francia. Infine, sono esposti libri, manuali militari d’epoca e un raro originale tamburo da guerra di un reggimento rivoluzionario ( mezza brigata). La mostra, aperta anche alle scolaresche, si potrà visitare tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00. Per le scuole è prevista la visita guidata su prenotazione.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: