Cultura e Musica

Una “Serata da pazzi” apre la stagione estiva del Teatro Don Bosco

Ma qual è il confine tra una bella commedia recitata da un gruppo amatoriale e una bella commedia con professionisti sul palco? A parlarne oggi siamo un po’ in difficoltà, dopo l’avvincente serata di venerdì scorso all’oratorio del teatro don Bosco di Savona, che ha visto la compagnia di casa “La Torretta” calcare le scene con: “Serata da pazzi!”, di Lorenzo Morena (in foto), anche regista. I più affezionati sicuramente l’avevano già vista nell’autunno 2010, nel corso dell’XI rassegna teatrale, e l’hanno riassaporata con le dovute modifiche; chi, come noi, se l’era persa… non può far altro che rimediare prontamente all’errore!

Rivisitazione da “La cena dei cretini” di Francis Veber, leit motiv qui sono le note del “Can-can”. Pierre (Morena), editore affermato, con gli amici organizza ogni mercoledì una “cena dei cretini”, dove il divertimento è prendere in giro il malcapitato di turno, magari un ometto ingenuo con qualche stramberia, meglio se un po’ stupido. Tanto sadismo che non lascia indifferente la moglie Christine (Sonia Arecco, in foto), che decide di piantarlo tramite segreteria telefonica: peccato che il messaggio lo ascolti anche il ‘cretino’, che in quel momento è in casa sua, passato a prenderlo come d’accordo per andare insieme alla cena e, nonostante il ‘colpo della strega’ che ha colpito l’editore, non si decide ad andarsene e a lasciarlo tranquillo. Tranquillo? Il ‘cretino’ Pignon (Guido Chiappelli) gli smonterà la vita pezzo per pezzo. Con il suo buon cuore e la sua voglia di rendersi utile, sarà disponibile a questo e quello, ma compiendo una marea di errori fatali! Si presterà a fare una telefonata all’ex della moglie Christine, Leblanch (Marco Ventura), spacciandosi per un produttore cinematografico, onde sapere se la consorte di Pierre sia a casa sua, ma poi perderà per strada l’obiettivo della chiamata e si tradirà lui per primo… Confonderà Christine (ritornata sui propri passi) con l’amante Marlène e la manderà via di casa, facendole sapere della tresca che dura da anni. Inviterà a rivolgersi ad un collega di lavoro, Cheval (Aldo Curti), per sapere l’indirizzo della garçonnière di un pubblicitario donnaiolo, dove ora si sospetta possa trovarsi Christine, visto che questo collega sta proprio conducendo un accertamento fiscale sul suo conto, ma essendo Cheval meticoloso e integerrimo nel compimento del proprio dovere, l’editore si ritroverà ad essere bersagliato da domande che apriranno la strada ad un eventuale controllo fiscale… eventuale prima, certo e sicuro non appena si scoprirà che la donna in casa del pubblicitario è proprio la moglie dell’ispettore Cheval!Colpi di scena si susseguiranno a colpi di scena, fino a che Marlène (Alessandra Crescini), a sua volta cacciata via di casa, ubriaca a seguito della rottura della relazione con l’editore, non spiattellerà al ‘cretino’ il motivo dell’invito a cena.Cosa può fare ora Pignon? Raccogliere tutto il suo orgoglio e, con il cuore gonfio di amarezza, recitare una parte superba per ricongiungere l’editore con la moglie. Salvo che poi…Bravissimi tutti. Nel cast anche Michele D’Onofrio nei panni del dottor Archambaud, chiamato d’urgenza all’inizio della commedia per il ‘colpo della strega’ e che gli chiede, saputo degli appuntamenti con i ‘cretini’, di non invitarlo mai a cena, onde non equivocare…Due ore e mezzo di ritmo serrato, di battute pronte, di svenimenti, di cadute, di errori, di facce deluse, di visi illuminati e di affermazioni candide e pure, di arrabbiature alla grande e di mortificazioni cocenti… fino ad un unico siparietto in cui le parti si invertono ed il mondo sembra capovolgersi…, salvo poi ritornare agli epiteti. Una commedia recitata in maniera magistrale!E ci può stare, allora, in mezzo a tanta perfezione, che ci sia chi si avvii al telefono quando questo ancora non squilla, e che qualcun altro abbia bisogno di un suggerimento un po’ più marcato… Anche i professionisti d’altronde sbagliano. Ma se nel bel mezzo di una commedia vi ritrovate a domandarvi se siete seduti in qualche teatro di prim’ordine o su una seggiola colorata nell’oratorio del Don Bosco… vuol dire che la recitazione è all’apice!Prossimo appuntamento a ingresso gratuito: “Il Cantestate”, venerdì 6 luglio, ore 21. Fiabe per bambini di Giovanni Margara: sul palco l’autore e Renato Procopio, con i suoi arrangiamenti musicali. Uno spettacolo per i più piccoli e le loro famiglie, lontano dai videogiochi.

Laura Sergi

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: