Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Una sosta per ricordare, viaggio della memoria del ciclista Giovanni Bloisi

Giovanni Bloisi, il “ciclista della memoria” varesino è tornato a rimettersi in sella anche quest’anno per continuare a ricordare le vittime delle stragi nazifasciste in Italia; Bloisi pensionato di Varano Borghi classe 1954 ha toccato quest’anno diverse località storiche del Piemonte e della Liguria ed è partito, il 4 maggio da Torino. Tra le sue tappe liguri troviamo Genova e qui ha incontrato le autorità locali ma anche i rappresentanti della Comunità Ebraica e delle associazioni che mantengono viva la memoria.

“Abbiamo svolto importanti ricerche per arrivare alla famiglia di un disperso di Molassana”, dichiara la rappresentante del Municipio coinvolto, “ma abbiamo constatato che gli eredi avevano cambiato quartiere. L’architetto Stefano Repetto è riuscito ad arrivare ai discendenti ed abbiamo quindi deciso di fare un progetto storico con alcuni studenti realizzando, pochi mesi fa, una lezione di storia un pò diversa dal solito; abbiamo trovato la figlia del disperso, le abbiamo consegnato la piastrina di suo padre ed è stato un bel momento per tutti ma soprattutto per i ragazzi delle scuole perchè, così facendo, si recupera la memoria. Restituendo quella piastrina abbiamo restituito un pezzo di storia visto che sulla piastrina sono scritti nome e cognome del soldato”.

Stessa soddisfazione da parte del ciclista Giovanni Bloisi :”Durante i miei viaggi avevo con me la borsa con i reperti e più volte l’ho nascosta perchè avevo troppa paura di perderli; essere qui per me significa ricordare le stragi fasciste e naziste. Questi fatti non devono mai essere dimenticati e tra i miei obiettivi vi è quello di fare un percorso a livello nazionale per ricordare tutti i morti per la libertà”.

“Questo grande uomo è un esempio per tutti e bisogna far conoscere questa storie soprattutto nelle scuole”, afferma il vicesindaco Massimo Nicolò, “ed è molto bello vedere che una persona non più così giovane porti con la bicicletta un messaggio di pace in tutta Italia. La figura di Giovanni Bloisi è importante per la collettività perchè porta un messaggio di ricordo e democrazia”.

“La giornata di oggi è frutto di un importante lavoro ed avere qui Giovanni Bloisi significa ricordare le stragi”, commenta la presidente ANED Genova Miriam Kraus, “e voglio ricordare che nel carcere di Marassi sono stati detenuti ebrei e partigiani. Tra i detenuti era anche presente un medico ebreo che ha curato i partigiani torturati presso la Casa dello Studente”.

“Questo luogo è una sorta di pietra d’inciampo perchè si trova di fronte al carcere in cui gli ebrei sono stati portati per essere spediti nei campi di sterminio”, ricorda Raffaella Luzzati, presidente della Comunità Ebraica di Genova, “e privati dei loro diritti dalle leggi razziali del 1938. La memoria è fondamentale per tutti gli ebrei ed il ricordo permette di fare scelte importanti per il futuro”.

“Mantenere il ricordo è importante e Giovanni Bloisi ripercorre percorsi importanti per la nostra storia soprattutto per i giovani; abbiamo fatto con i ragazzi importanti lavori sulle stragi genovesi affinchè tutto ciò non venga dimenticato. Figure della Resistenza come Gilberto Salmoni e Rosario Fucile non devono essere dimenticate e recentemente la nostra scuola ha fatto un viaggio a Trieste con l’ANED per far vedere ai ragazzi questi luoghi”, conclude una docente del Liceo Da Vigo Nicoloso di Recco.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: