Attualità

Vado – Le aree Tirreno Power potrebbero ospitare il biodigestore

Tra poco più di quattro mesi, il 20 dicembre prossimo, arriva a scadenza la concessione di Ecosavona sulla discarica del Boscaccio, a Vado Ligure.  Il termine è tuttavia contestato dalla società di gestione, controllata dal gruppo Waste Italia, che ha presentato ricorso al Tar Liguria. Un contenzioso che rischia di complicare le procedure di gara per un nuovo affidamento e che ha convinto la Provincia di Savona – ente di governo territoriale per il settore rifiuti – a chiedere un parere pro veritate a garanzia di un iter d’appalto “efficace e trasparente”. Ma i tempi e le ripetute “emergenze rifiuti” non sono rassicuranti e Palazzo Nervi ha disposto che il Comune di Vado Ligure conceda a Ecosavona una proroga tecnica della concessione di due anni e quindi fino al 20 dicembre 2020.

Ci sarà quindi tutto il tempo di organizzare una gara europea finalizzata a dare continuità di funzionamento della discarica per i rifiuti urbani indifferenziati, attraverso la gestione della capacità garantita dall’autorizzazione all’ampliamento per 500 mila metri cubi di stoccaggio, stimati sufficienti a coprire il fabbisogno fino al 2038. Oltre a questo l’appalto comprenderà la realizzazione e il funzionamento di una linea di produzione di combustibile solido secondario (il CSS da rifiuto indifferenziato), nell’ottica di una ulteriore diminuzione dei volumi da stoccare.

Ma la scommessa del nuovo piano dei rifiuti per l’area savonese – sostanzialmente concentrato sul polo vadese – è un’altra. Riguarda la partita della progettazione, costruzione e gestione del nuovo biodigestore, ossia l’impianto di digestione anaerobica per il trattamento dei rifiuti organici provenienti dalla raccolta differenziata. Il piano provinciale prevede che l’impianto entri in funzione all’inizio del 2021, che abbia una potenzialità di trattamento pari a 35 mila tonnellate/anno di materiale organico e che sia realizzato nelle stesse aree della discarica del Boscaccio, sulle alture di San Genesio. Un biodigestore pubblico da realizzare però da un soggetto economico privato in regime di “project financing” (investimento in cambio della futura gestione).

Comment here