Cultura e Musica

Vanna Terenghi, la trasformazione della materia

Con la mostra “Artefatta”, Vanna Terenghi, ha esposto al Pozzo Garitta dal 24 agosto all’8 settembre, aprendo il nostro sguardo su di un mondo creativo sorprendente. Ad una prima vista ci appare un cromatismo vivace e luminoso, sensuale, potremmo ben dire, che ci avvolge con le sue tonalità preferibilmente chiare, tra le quali spiccano i gialli, gli arancioni, i rosa ed i lillà, gli azzurri tendenti al viola. E’ un mondo di colori rutilanti dove sono raffigurati uccelli, fiori, ma anche meduse, figure fantastiche, quadranti di orologi… l’apparenza è emotiva, appagante, pregnante… ben esprime ciò che l’artista afferma sulla sua pittura: “E’ gioia. E’ un vizio, un desiderio incontrollabile. E’ uno spazio mio, E’ PASSIONE TORMENTO, IMPEGNO FEBBRILE, GIOCO… ”.

Poi l’artista ci svela che il suo cromatismo provocante è effetto di un assemblaggio di scarti industriali; proprio così! La sua fantastica raffigurazione naturalistica è ottenuta da residui di lavorazioni metalliche, magari recuperati dall’ammasso, ripuliti, verniciati, ed attaccati insieme su di piano. Il grande fascino dell’arte, della pittura in particolare, è quello di saper tutto descrivere e raffigurare, di mettere tutto a propria disposizione per dargli dignità di oggetto da rappresentare e da “immortalare”. Nel caso di Vanna assistiamo ad una ulteriore trasformazione: un oggetto destinato al macero od al riutilizzo, privo anche della dignità di oggetto, abbandonato dalla catena della produzione di beni, diviene utile come materiale destinato alla “produzione” del bello! La rappresentazione di uccelli e e di fiori proviene anche dal coinvolgimento dell’autrice con l’ambiente brasiliano, nel paese sudamericano infatti trascorre alcuni mesi all’anno, in visita al figlio là residente. Pertanto i colori solari delle sue “immersioni” naturalistiche di lì provengono, da qual contesto lussureggiante, da cui trae anche alcuni soggetti paesaggistici, come la scogliera, nello Stato di San Paolo, che sembra riprodurre il profilo di un indio e che Vanna ci restituisce in una suggestiva essenzialità. Sotto altro profilo i soggetti dell’artista sono disparati, con una predilezione, forse, per raffigurazioni surreali e per soggetti mitologici, anch’essi compresi in una visione metafisica, senza tralasciare le suggestive immagini dello “spazio”, impressionanti per capacità evocativa e cromatismo. Ma ci sarebbero anche i “ritratti” tra i quali un sorprendente autoritratto ed i “luoghi”, paesaggi o lembi di paesaggio colti in un aspetto o in un particolare sfuggente e visionario, immersi in una atmosfera arcana! Come definire Vanna Terenghi? Espressionista della materia o materialista dell’espressione? Spero di ritrovarla presto in qualche mostra di qui, tanto lei, camperista, è pratica anche delle nostre località!

Giorgio Siri

5 commenti

  • Quale membro dell’Associazione Artistica di Ponte Nossa (bg.) esprimo a Vanna i più sinceri complimenti per la realizzazione di un evento davvero e straordinario. la mostra esprime appieno tutta la vitalità, l’entusiasmo e la gioia che Vanna ha sempre dimostrato di possedere e di voler condividere con tutti quanti hanno il piacere di conoscerla. i suoi quadri, luminosi e solari, sono il riflesso della sua anima. Brava Vanna. Carla

  • Ho conosciuto Giorgio Siri all’inaugurazione:occhi incollati sui lavori esposti;orecchie attente alla presentazione e alle critiche;domande a ripetizione nell’intervista.Un tuffo in profondità tra le emozioni che ha colto ed espresso magistralmente…Grazie,Vanna

  • Sono amica di Vanna da un po’ di anni e ho seguito l’evoluzione della sua espressione artistica fino a questa ultima, dove Vanna intuisce ricchezze nascoste in materiali da altri considerati inutili, materiali che fa rivivere in affascinanti armonie di forme e colori che trasportano la mia fantasia in atmosfere di sogno, mistero, magia e sono una “festa” per gli occhi. Trovo i suoi quadri veramente unici! Piera

  • Sono un’amica di Vanna e ho trovato la mostra “Artefatta” veramente fantastica! I quadri mi sono piaciuti così tanto che avrei voluto portarmeli tutti a casa ma ho dovuto accontentarmi di prenderne uno solo “Corolla” che mi guarda e mi da gioia ogni volta che passo nell’ingresso di casa mia! Grazie a Vanna per ciò che fa e soprattutto per la persona che è !!!!!!!

  • Conosco Vanna da tanto tempo e , in diverse occasioni, ho avuto modo di cogliere la sua capacità di vedere oltre l’apparenza, la sua sensibilità spiccata nel percepire la vera essenza di ciò che la circonda. Questa sua dote le ha consentito di vedere che, inutili “materiali di scarto”, potevano dare ancora qualche cosa ed hanno ripreso vita, in un modo insospettabile, attraverso la sua pittura, trasformandosi in fiori fantasiosi da cogliere, meduse fluttuanti nell’acqua, farfalle e libellule leggere e trasparenti, uccelli variopinti, colti nell’istante in cui spiccando il volo e sembrano uscire dal quadro. Anche i quadri astratti sono realizzati con un utilizzo sapiente di accostamenti cromatici. In questa mostra Vanna ha dimostrato veramente il meglio di sé e, secondo me, conoscendola abbastanza bene, ci riserverà ancora piacevoli sorprese.Buon lavoro Vanna. Alessandra Fossa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: