Attualità

Varazze commemora il 75 anniversario del bombardamento del 13 giugno 1944

Si è tenuta, alla presenza del sindaco Alessandro Bozzano, dei membri della giunta comunale e dei rappresentanti delle associazioni cittadine, la commemorazione del bombardamento avvenuto il 13 giugno 1944.

“Ringrazio i presenti e voglio dire che tutti gli anni ricordiamo questo evento che è stata una tragica ferita per la nostra città”, ha dichiarato il primo cittadino di Varazze, “ed il cuore del nostro borgo è stato distrutto avendo causato anche molte vittime. Questa occasione dev’essere una riflessione per far sì che fatti come questo non si ripetano mai più creando le condizioni politiche, sociali ed economiche per non aver bisogno di costruire bunker. Occorre confronto per capire i problemi e mantenere la pace che tutti i giorni le forze armate garantiscono. Le guerre portano odio che dura generazioni e non aiuta a mantenere l’equilibrio e sono convinto che i valori di riflessione devono essere dati dal mondo laico ma soprattutto da quello cattolico”.

“Io c’ero e anche se sono passati 75 anni i superstiti non hanno mai dimenticato”, afferma Mario Traversi, “e quel giorno, alle 7.15, ho visto 8 aerei arrivare dal mare. Sono scappato prima dell’allarme, ho deciso di andare in collina e da lì ho potuto vedere gli aerei che sganciavano le bombe. Queste bombe cercavano di abbattere il ponte ma non ci sono riuscite però il palazzo di fronte al cotonificio è stato distrutto ed i vigili del fuoco hanno fatto uscire i sopravvissuti. Una cosa che mi ha colpito è vedere, in mezzo ad una montagna di macerie, il direttore del collegio ormai senza vita e la sua tonaca che da nera era diventata bianca. I morti sono stati circa 70 e l’archivio comunale è andato completamente distrutto ma così non è stato per il baldacchino che tutti gli anni esce per il Corpus Domini. Quel giorno era caldo e bello ma alcuni contadini provenienti da Casanova sono morti sotto le macerie del mercato ortofrutticolo. Occorre cercare di imparare dal passato che dovrebbe insegnare ma non è così anche perchè i giovani conoscono poco la storia e mi piacerebbe che si realizzassero maggiormente eventi di questo genere per insegnare ai giovani cos’è stato il nostro passato”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: