Attualità

Varazze: le strade dell’alluvione quasi 2 anni dopo

Quasi 700 giorni sono passati per Varazze da quel 4 ottobre 2010, giorno in cui una tremenda alluvione ne segnava il volto, fortunatamente senza vittime umane secondo alcuni per intercessione della Santa patrona, Caterina da Siena che proprio in quei giorni ebbe a passare dall’antico borgo colpito dalla peste nel 1376. Tanto il dolore e la rabbia che hanno manifestato sabato 11 agosto gli abitati della frazione di Casanova di Varazze.

La protesta è salita per il mancato arrivo dei finanziamenti per ripristinare i danni provocati dall’alluvione del 2010. I manifestanti hanno esposto striscioni contro il presidente della giunta regionale Burlando che nella stessa serata ha “scaricato” le colpe sul sindaco di Varazze Giovanni Delfino. Il governatore della regione Liguria si è offerto addirittura di provvedere ai lavori al posto del Comune, in qualità di commissario straordinario per l’alluvione. Le critiche dei cittadini non hanno risparmiato neppure l’opposizione varazzina che sul tema è stata dichiarata “non pervenuta”. La preoccupazione dei residenti non solo è per l’insufficienza e la lentezza del procedere dei finanziamenti disposti (2,2 milioni di euro), ma soprattutto per la pericolosità della strada sia in direzione – svincolo per Casanova sia in direzione Pero. La situazione pare essere insostenibile per il traffico (vedi anche direzione discarica Ramognina) che per la sicurezza. Inoltre, non da ultimo, la mancata messa in sicurezza del territorio lo renderebbe molto fragile ed esposto ad eventi franosi nel periodo delle piogge autunnali. A distanza di oltre 20 mesi siamo andati sul luogo per capire e vedere e offrire ai lettori con questo articolo-fotografico la possibilità di rendersi conto come versano le opere nell’entroterra di Varazze. In questi giorni di calura una passeggiata nelle nostre campagne verso il bellissimo paesaggio dell’Appennino Ligure potrebbe essere utile per superare le sterile polemiche e l’affannosa burocrazia nella speranza che qualcosa si veda di fatto e presto.

 Lorenzo Grazioli Gauthier
Fotoservizio di Federica Ascenso

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: