Attualità

Varazze piange la scomparsa del poeta Silvio Craviotto

La Musa di Silvio Craviotto, il poeta varazzino che ha “cantato” con i suoi versi l’amore per il mare e la natura, con significativi contributi di carattere filosofico, si è spenta sul traguardo dei 90 anni, dopo una corsa che ha conosciuto numerose tappe di impegno in diversi campi, cominciando dalla sua attività di funzionario di banca, espletata in Italia e in Svizzera, dove, per la sua competenza e fiducia, gli era stata consegnata la chiave del caveau della UBS (Unione Banche Svizzere), una promozione a livello europeo. Ma, Silvio aveva anche un’altra preziosa chiave che aprì il caveau di Calliope (una delle nove Muse) fin dall’adolescenza, regalandogli il tesoro della poesia.

Una poesia impegnata, a volte graffiante, sempre sincera e al servizio dei valori in cui credeva; la difesa dell’ambiente, l’amore viscerale per il mare, che amava come un padre e una madre e con il quale ha vissuto quasi in simbiosi per tutta la vita, partecipando a numerosi Cimenti Invernali di nuoto, tanto a Varazze che in diverse altre località della Riviera.

Un mare che gli ispirò poesie premiate in numerosi concorsi letterari, alcune delle quali tradotte in tedesco, lingua che aveva appreso durante il suo lavoro in Svizzera.

Sempre presente a incontri, mostre e avvenimenti culturali, non mancava di portare il suo contributo alla riuscita degli eventi, regalando una sua appropriata “chicca” sul finale della manifestazione.

Quando muore un poeta – dice Moravia – muore un mondo di testimonianze sensibili che si perdono per sempre.

Varazze, però, non perderà l’eredità poetica di Silvio Craviotto, racchiusa nelle sue molte, belle pubblicazioni, l’ultima delle quali, “Nuova Odissea“, uscita lo scorso luglio, ripercorre il cammino di Ulisse per ritrovare la sua Itaca, forse un presentimento del suo viaggio verso nuove terre.

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: