Attualità

Vendita della Gallinara: tutti contro il miliardario ucraino

Il “caso Gallinara”  ha suscitato un po’ di clamore nei giorni scorsi; come si sa l’isola verrebbe acquistata da Olexandr Boguslayev,immobiliarista di quarantadue anni nativo dell’Ucraina  ma ora con cittadinanza di Grenada, residenza a Montecarlo e leader di sei società  con sede a Nizza; pare sia il figlio di Vyacheslav Boguslayev, titolare della Motor Sich; la cessione sarebbe stata decisa dalla maggioranza di “Gallinara Srl”, società composta da famiglie imprenditoriali liguri e s piemontesi, che annovera  azionisti di riferimento di aziende come Mondo e Probiotical. Sembra che la che la parte ligure della compagine, rappresentata ormai solo da Gianni Sommariva e Claudio Betti, che insieme detengono non oltre del 13% del capitale, non fosse  del tutto convinta della vendita, ma la maggioranza si è lasciata suggestionare da altre soluzioni, forse indotta a vendere dalla necessità di addivenire ad una sanatoria per chiudere una annosa vicenda di lavori non autorizzati, che ha lasciato l’isola senz’acqua né luce, o dalla morte di uno degli azionisti. Per chi non vede di buon occhio l’operazione  rimane aperta la possibilità del diritto di prelazione che spetta allo Stato; chi ha fatto sentire di più la voce, nella circostanza, è il Parttito Democratico.” La Gallinara è una perla di straordinaria bellezza, un luogo unico sotto il profilo ambientale, storico, archeologico e naturalistico – così si è espresso il Deputato Franco Vazio, che ricorda pure la sua esperienza amministrativa – Avuta notizia della sua vendita, abbiamo subito aperto un tavolo di confronto in sede ministeriale: il ministro Franceschini, ancora in queste ore, mi ha personalmente confermato la sua massima attenzione a valutare i passi da compiere anche al fine di esercitare la prelazione che la legge assegna allo Stato; in questo caso i milioni necessari per l’esercizio di tale diritto saranno messi a disposizione dal ministero”.

“L’acquisizione dell’Isola Gallinara e il suo utilizzo pubblico hanno una lunga storia, che ha avuto alti e bassi e battute d’arresto. Durante la mia esperienza amministrativa nella giunta Tabbò eravamo arrivati vicini alla firma della convenzione con i privati per un suo parziale uso pubblico; poi ci furono le elezioni, vinse il centrodestra e non se ne fece più nulla”.

“Ora abbiamo la possibilità di centrare un obiettivo più ambizioso e nello stesso irripetibile, quindi non possiamo fallire e non falliremo. L’isola Gallinara dovrà diventare un bene pubblico, da tutelare e conservare, e soprattutto dovrà essere fruibile a tutti in quanto patrimonio della nostra storia e della nostra comunità”

Il ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini,  si è messo in contatto con il sindaco di Albenga  Riccardo Tomatis (l’isola è nel mare di Albenga ma Alassio ne rivendica da sempre almeno la ‘comproprieta’-

Raffaella Paita, deputato sempre per il PD, aveva affermato: “E’ indispensabile che il governo intervenga per impedire che l’isola della Gallinara corra il rischio di diventare, da gioiello naturalistico, oggetto di sciagurate operazioni speculative”.

Brando Benifei, capodelegazione del PD al Parlamento Europeo, garantisce che se la Gallinara tornerà in mani pubblica, si potraà poi accedere, per progetti di valorizzazione, a programmmi comunitari come “Europa Craetiva” o “Life”.

Anche il Centro-destra. comunque, vede con favore l’acquisizione al pubblico Demanio; «La Regione supporti Albenga perché possa approfittare di un’occasione unica e scongiurare un’operazione sconcertante» dichiara  Eraldo Ciangherotti, Forza Italia, consigliere comunale di Albenga e consigliere provinciale.

«Potrebbe diventare un’attrazione di grande richiamo per tutto il ponente, e sarebbe bene che tutti gli enti facessero in fretta una valutazione dei costi e dei benefici della prelazione» aveva per parte sua affermato  Alessandro Chirivì (Fdi). Il consigliere alassino Jan Casella non ha dubbi sulla prelazione mentre esponenti della cultura e dell’associazionismo  si sono schierati con decisione per la prelazione a favore dello Stato, dai Fieui di Caruggi di Albenga, al WWF;  Pierfranco Quaglieni, direttore del Centro Pannunzio, amico di Savona e legato paticolarmente ad Alassio così ha sottolineato: «La Gallinara deve essere un bene pubblico per garantirne la assoluta salvaguardia ambientale . Gli interessi privati sono incompatibili con un bene che appartiene a tutti : albenganesi, alassini, turisti . La vendita ad un magnate ucraino è un segno del degrado che ha portato alla svendita delle aziende italiane e giunge adesso anche a parti del territorio nazionale».

Il sindaco di Albenga, Riccardo Tomatis,  ha chiesto un incontro alla Soprintendenza ed ha dichiarato:

“Il Comune è pronto a fare la parte di sua competenza, ma sarebbe auspicabile una collaborazione tra Ministero, Regione e Comune al fine di tornare in possesso della Gallinara e farla diventare fruibile da tutti».

Cerchiamo davvero di tenerci l’isola dove si rifugiò San Martino di Tours!

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: