Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Vertenza Piaggio: ieri i sindacati in Regione

Ieri si è tenuto, presso la sede della Regione Liguria, l’incontro, richiesto dai Sindacati, fra l’assessore allo Sviluppo Economico Rixi, l’assessore al Lavoro Berrino, le Organizzazioni Sindacali FIM FIOM UILM di Savona e Genova e le RSU degli stabilimenti Piaggio Aerospace di Villanova d’Albenga e Sestri Ponente.

Commenta la FIOM CGIL SAVONA: “Su mandato dei lavoratori abbiamo pertanto iniziato quel percorso con le Istituzioni, che sono parte fondamentale in questa vertenza, che dovrà culminare nella ripresa del confronto con il Governo. Ovviamente la ripresa del confronto con il Governo deve avvenire nel più breve tempo possibile perché è assolutamente necessario, dopo che l’azienda nell’incontro della scorsa settimana ha parzialmente ripresentato le linee guida del piano industriale già esposte nel luglio dello scorso anno, che il Governo faccia la sua parte per evitare lo scorporo dei motori e della manutenzione sui velivoli civili”.

“Tale prospettiva non ha a nostro avviso alcuna motivazione di natura industriale e metterebbe a rischio la tenuta complessiva dell’azienda e non può attenuare il nostro giudizio il fatto che i soggetti eventualmente interessati a rilevare i settori produttivi in oggetto dovranno dare garanzia di mantenere immutati i livelli occupazionali. Pertanto se l’Esecutivo continua a non condividere questa posizione del management aziendale, come aveva già dichiarato durante l’incontro del 9 agosto dello scorso anno a Palazzo Chigi, esso deve utilizzare i poteri speciali previsti dalla Golden Power – l’interesse pubblico nelle aziende strategiche a livello nazionale, n.d.r. – perché Piaggio Aerospace è un asset strategico e va evitata qualunque prospettiva che preveda scorpori ed esuberi”.

Prosegue il comunicato sindacale: “Questa è la posizione che abbiamo espresso con forza oggi alla Giunta Regionale la quale, per bocca degli assessori Rixi e Berrino, si è dichiarata disponibile a mettere in campo azioni istituzionali utili ad una positiva conclusione di una vertenza che peraltro, per quello che riguarda lo stabilimento di Villanova d’Albenga, rappresenta la principale in un territorio decretato area di crisi industriale complessa. Pertanto l’assessore Rixi si è impegnato a sollecitare la convocazione dell’incontro al ministro Calenda in occasione della riunione prevista per inizio settembre al MISE sull’area di crisi industriale complessa”.

“Rixi ha inoltre dichiarato come informalmente Calenda abbia avuto modo di esternare la propria contrarietà ad un piano industriale che preveda scorpori, fatto questo di assoluta importanza e che attendiamo venga confermato in sede di confronto con sindacati ed azienda. Dal canto suo, l’assessore Berrino ci ha confermato che le voci secondo cui sarebbe imminente l’uscita del decreto che autorizza ulteriori 10 mesi di cassa integrazione straordinaria per 122 lavoratori, fatto questo di grande rilevanza dal momento che 118 lavoratori sono ancora in cassa integrazione in attesa di una collocazione lavorativa che gli accordi presi garantisce”.

“Infine, anche se pare superfluo sottolinearlo, vogliamo sottolineare come la positiva conclusione della vertenza, e la conseguente tutela dell’occupazione, sia l’unico obiettivo che guida l’azione sindacale. Lo scriviamo perché in questi giorni abbiamo letto alcuni articoli che hanno descritto una situazione di rassegnazione se non anche di connivenza rispetto ad un esito della vertenza che viene ritenuto già scritto e dalle conseguenze nefaste per i lavoratori – conclude la FIOM CGIL SAVONA – Senza voler alimentare sterili polemiche, non crediamo sia utile saltare a tali conclusioni per il fatto che le azioni decise unitariamente dalle Organizzazioni Sindacali e dalle RSU e votate dai lavoratori in assemblea non sono essere quelle che ci si aspettava”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: