Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Vertenza Piaggio: il prefetto di Savona coi Sindacati

Il prefetto di Savona, Antonio Cananà, ha ricevuto, lunedì 26 novembre, sulla vertenza Piaggio, le rappresentanze sindacali, i sindaci, il nuovo presidente della Provincia, Olivieri, mentre uno sciopero, da parte dei lavoratori Piaggio, era in corso. Il prefetto ha garantito un impegno concreto. Così si è espresso il Presidente della Provincia “Siamo qui perché questa azienda non chiuda. I 1200 sono la punta dell’iceberg ma c’è anche tutto l’indotto creato  da questa azienda che è un fiore all’occhiello. Quello che abbiamo condiviso con il Prefetto oggi non è solo una preoccupazione per l’occupazione e il lavoro, ma è anche un timore sociale. Il territorio e le comunità civili che oggi erano qui presenti testimoniano che non possiamo permetterci un rischio di questo tipo. Abbiamo avuto risposte importanti e credo che in Regione  proprio in questo momento si stia portando un ordine del giorno su tale argomento quindi da Presidente della Provincia posso ritenermi soddisfatto. Se facciamo squadro possiamo dare risposte concrete al territorio”. 

Così inoltre Andrea Pasa, Segretario CGIL: “La grande paura di tutti è quella dei tempi. Qui nei prossimi 5 giorni si gioca un pezzo importante  del futuro dell’azienda. Il 30 novembre ci sono dei contratti che scadono soprattutto nei motori, l’amministratore delegato attuale non può sottoscriverli quindi è assolutamente necessario che il Tribunale di Savona, ma anche il Ministero dello Sviluppo Economico, nominino i commissari che avranno l’onere di rilanciare l’azienda insieme al territorio e i sindacati.Lo abbiamo ribadito  insieme alle istituzioni oggi al Prefetto che ci ha garantito il suo impegno. Già oggi pomeriggio incontrerà il Tribunale di Savona e colloquierà con il Mise (lo  ha già fatto con noi presenti, ma richiamerà). Oggi la grande preoccupazione è proprio quella che non ci siano le condizioni per nominare i commissari prima delle prime scadenze di quei contratti che sono fondamentali per il futuro Piaggio. E ‘più importante la nomina del commissario che l’incontro  del 6 o 7 dicembre perché se questo non avvenisse sarebbe una tragedia infatti tanti contratti non potrebbero essere rinnovati e la crisi si trascinerebbe dietro non solo i due stabilimenti Piaggio, ma anche la LaerH che ad oggi vede impiegati circa 80 lavoratori.”

Il deputato Vazio (PD) ritorna a puntare il dito contro il Governo e, in una nota, così ribadisce: “Il silenzio della maggioranza e del governo sul futuro di Piaggio era ed è irresponsabile. Ma è stato solo la naturale anticamera di questo disastro. La proprietà attendeva da molti mesi la conferma del Governo circa il programma di investimento connesso ai droni (P1HH e P2HH) e il relativo finanziamento di 766 milioni di Euro già assunto dal governo Gentiloni con un decreto del Ministro della Difesa Pinotti. Voleva, insomma, sapere se l’idea dei passati Governi Gentiloni e Renzi di rafforzare il futuro industriale di Piaggio, in un quadro sinergico con lo stato italiano, e quindi anche circa l’affidamento della manutenzione dell’intero parco motori delle Forze Armate, fosse ancora reale e percorribile”.

“Il Parlamento, con una schiacciante maggioranza di M5S e Lega, con le opposizioni favorevoli, doveva solo rilasciare un parere. Purtroppo un parere che ancora oggi non esiste. Senza contare che, da mesi, il Ministro della Difesa avrebbe potuto procedere in ogni caso”.

“Ora ci si attesta su urgenze che sono di retroguardia. Forse si pensa che il Commissario sia ‘Mago Zurlí’, che possa fare, senza soldi e senza impegni del Governo, quello che era a portata di mano solo pochi mesi fa? Le battaglie devono avere un obiettivo. Ma, soprattutto, è necessario avere chiaro cosa si chiede e chi lo deve fare”.

“Il Governo, Di Maio e i suoi sottosegretari potrebbero risolvere questa crisi. Ma si tratta di assumere subito una scelta politica, una scelta strategica ed economica in cui Piaggio e i lavoratori sono al centro”.

“Le ‘interlocuzioni’di cui parlano esponenti del Governo, le fake news e i post su Facebook non servono a nulla. Il governo dia subito corso al Decreto Gentiloni-Pinotti, perché i lavoratori non possono pagare il prezzo dei suoi no, della sua incapacità e inconcludenza”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: