Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCuriosando qua e là

VI Conferenza Nazionale sulle dipendenze

Due giorni di lavori, decine di relatori e moltissimi argomenti trattati; sono questi gli elementi principali della VI Conferenza Nazionale sulle Dipendenze che si è tenuta presso Palazzo Ducale a Genova organizzata dal Ministero per le Politiche Giovanili.

“Il tema trattato è molto importante ed in questa sede verranno trattati tutti gli aspetti”, dichiara in un messaggio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, “e questo è un problema preoccupante che riguarda tutti”.

Parole simili da parte di Roberto Fico, presidente della Camera dei Deputati :”Il Governo sta svolgendo un lavoro di approfondimento e nonostante la pandemia il lavoro non si è mai fermato; questo disagio riguarda milioni di persone e non va sottovalutato”.

“Occorre coinvolgere le scuole per prevenire il fenomeno”, sottolinea il Ministro per le Politiche Giovanili Fabiana Dadone, “e abbiamo obiettivi importanti tra cui l’eliminazione dello stigma per chi ha dipendenza da sostanze senza dimenticare le misure alternative alla detenzione. La liberalizzazione della cannabis è da valutare ma è difficile trovare la maggioranza in questo Parlamento; la vera necessità è il reinserimento sociale delle persone”.

“Coloro che hanno dipendenze riscontrano difficoltà a smettere ed i più vulnerabili sono gli adolescenti”, commenta Angelo Buscema, giudice della Corte Costituzionale, “e vi è assoluta necessità di prevenire questo cancro della società moderna. Chi consuma sostanze ha un forte rischio di diventare spacciatore e curare le dipendenze è interesse della collettività; l’articolo 32 comma 1 della Costituzione afferma che la salute è un diritto inviolabile”.

“Ringrazio le autorità dicendo che sono contento che sia stata scelta Genova per questo convegno visto che è il simbolo della resilienza dopo il crollo del Ponte Morandi”, sottolinea il Presidente della regione Liguria Giovanni Toti, “ma questa battaglia è dell’intero sistema poichè sconfiggere le dipendenze è una sfida collettiva. Il fenomeno non si sconfigge da soli ma bisogna che la collettività si occupi del problema. La nostra regione è un importante snodo per il narcotraffico ma le forze dell’ordine stanno lavorando bene; le dipendenze si sconfiggono con cultura e prevenzione”.

“Ringrazio il ministro Dadone per aver scelto Genova per questo evento”, evidenzia il sindaco Marco Bucci, “e questo convegno ha in sè grandi aspettative. Occorre conoscere cosa succede e proiettarsi nel futuro; Genova è bella ed accogliente ed i diritti e i doveri di tutti sono rispettati. Gli aiuti governativi sono una sorta di Piano Marshall 2.0 molto importante e la nostra città sa cosa significa rimboccarsi le maniche; vi è bisogno di fare una fotografia della situazione attuale e programmare il futuro poichè la società deve rispettare tutti. La nostra amministrazione ha aumentato del 60% rispetto alle altre giunte i fondi per il sociale e per stare vicini alle persone abbiamo coinvolto le associazioni, le parrocchie e le realtà del terzo settore”.

“Le dipendenze impediscono la crescita e la felicità”, ricorda l’arcivescovo Marco Tasca, “e sono convinto che conferenze su queste tematiche devono tenersi ogni tre anni circa. La detenzione per le dipendenze è una conseguenza del sovraffollamento carcerario quindi non vi è su questo tema una reale prevenzione; sono convinto che tutti insieme possiamo liberarci delle dipendenze”.

“Nel 2000 si è tenuta la terza conferenza”, asserisce il Capo Dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri, Flavio Siniscalchi, “e da allora il mondo delle dipendenze è cambiato; la normativa del 1990 coinvolge tutti i rappresentanti del terzo settore ma occorre segnalare le criticità e valorizzare i miglioramenti. Ringrazio l’amministrazione comunale nelle persone del sindaco Bucci e dell’assessore Grosso per l’organizzazione dell’evento”.

“Questa è un importante occasione di confronto e le droghe sono un problema globale ma gli sforzi al contrasto che stiamo facendo sono notevoli”, dichiara il ministro Luigi Di Maio, “poichè il narcotraffico finanzia il terrorismo. L’Italia sostiene la convenzione contro il crimine organizzato e l’Afghanistan produce, da solo, l’85% dell’oppio mondiale; per il nostro Paese il ripudio del terrorismo è molto importante”.

“La droga è una delle maggiori sfide sociali ed il traffico è stato influenzato dalla pandemia”, ricorda il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, “e lo sviluppo dei sistemi innovativi di contrasto allo spaccio ed al traffico ha permesso di aumentare i sequestri nel 2020 quando abbiamo avuto il record di 13 tonnellate di cocaina intercettate”.

“La tossicodipendenza è una grave piaga che vede circa 14000 detenuti che fanno uso di sostanze con un alto tasso di recidiva”, sottolinea il Ministro della Giustizia Marta Cartabia, “ed in questo modo non vi è riabilitazione. Il problema, con il passare del tempo, diventa cronico e perde importanza ma non deve essere così”.

“Genova è una città fragile ma ha saputo risollevarsi bene”, afferma il Ministro del’Agricoltura Stefano Patuanelli, “e voglio ricordare che la produzione della canapa ad uso medico è consentita. La conferenza non ha nessun pregiudizio sui temi trattati ma la pandemia ha messo in evidenza questo particolare settore”.

“La droga riguarda tutte le fasce della popolazione e la repressione totale non funziona”, evidenzia il Ministro del Lavoro Andrea Orlando, “ma per le fragilità occorre una strategia più ampia per la sanità andando oltre le ipocrisie”.

“Nel 2021 sono aumentati i sequestri di cocaina rispetto al 2020 così come è aumentato il consumo”, commenta il Generale Antonino Maggiore della Guardia di Finanza, “ed il sequestro più grande è avvenuto presso il porto di Gioia Tauro. Voglio altresì ricordare che la zona dei Balcani è spesso un crocevia di transito per l’Europa”.

“Il narcotraffico è una priorità per la sicurezza poichè la mafia ed il terrorismo si finanziano così”, mette in evidenza Luca Franchetti Pardo, Vice Direttore Generale/Direttore Centrale per la sicurezza della Direzione Generale per gli affari politici e di sicurezza MAECI, “e la condivisione delle informazioni è fondamentale”.

“Occorre superare lo stigma ma è difficile”, replica Don Ciotti, fondatore Gruppo Abele, “poichè il fenomeno riguarda tutte le età e tutti i ceti. In questa conferenza si sono trattati temi difficili ma nel modo corretto ed il reinserimento è importante perchè vi sono soggetti che capiscono di aver sbagliato; le dipendenze sono più ampie e comprendono anche droga, alcol e gioco d’azzardo. Il centrodestra chiude alla legalizzazione della cannabis ma secondo me il vero problema sono i pochi investimenti per la prevenzione”.

“La nostra è una città accogliente e vogliamo ospitare altri eventi di questo tipo”, riprende Marco Bucci, “ma questa è una cosa coraggiosa che ha unito cervello e passione con un’importante sinergia”.

“Questi sono stati due giorni intensi frutto di un importante lavoro di squadra con il Dipartimento per le Politiche Antidroga”, conclude l’assessore alla cultura del comune di Genova Barbara Grosso.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: