RubricheVarieYoga e Benessere

YOGA-LAND

Di yoga ne sentiamo parlare ogni giorno… dalla parrucchiera, al bar, persino in banca o dal fruttivendolo, ma cosa sia davvero nessuno lo sa. Ad oggi in una cittadina di provincia come Savona, dove si sa sempre tutto di tutto e di tutti, sento parlare di yoga come di uno “stare seduti ad occhi chiusi a fare oooooommmmmm”. 

Mmm.. oooooooooookaaaaay… non è esattamente così, o comunque non è solo quello.

Proviamo a fare chiarezza…

Ma prima ancora di approfondire ed iniziare insieme questo viaggio nel magico mondo dello yoga vorrei presentarmi. 

Dall’altra parte dei vostri schermi ci sono io, Tea, 30 anni suonati, capelli ricci e….. (rullo di tamburi) insegnante di yoga! Ebbene sì insegno dal 2016, e da quasi un paio d’anni ho aperto una scuola proprio in questa cittadina di provincia dove tutti sanno sempre tutto di tutto e di tutti, ma che per me è e sarà sempre CASA!

Come è entrato lo yoga nella mia vita è tutta un’altra storia, vi basti sapere che mi ha cambiato radicalmente la visione del mondo, degli essere umani, ma soprattutto di me stessa.

E ora ritorniamo a gamba tesa al discorso principale: lo YOGA!

Innanzitutto la parola yoga, che deriva dalla radice sanscrita yuj, vuol dire unione. Lo yoga si pratica tutti i giorni dal salutare il vicino di casa, al ringraziare al bar per il caffè che ci hanno appena servito, fino a giungere ad una consapevolezza così profonda e sincera di se stessi che cambia completamente la visione della vita su questo pianeta. Insomma lo yoga è un modo di vivere, persino di sorridere e come direbbe il mio amico (e barista d’eccellenza) Aldo per prendermi in giro “Lo Yoga è il più grande dono dell’India al mondo.” (Shri T. Krishnamacharya).

Quando sentirete parlare di yoga generalmente gli argomenti principali con cui tuuuuuuuutti gli insegnanti di yoga al mondo (me compresa!!!) vi sfiniranno, sono: consapevolezza, respirazione, asana e meditazione, oltre che al già citato nonché famosissimo Om; ma io ne aggiungerei una: FATICA. 

Sì yoga è fatica, è sudore, è impegno ed attenzione al qui ed ora o hic et nunc (per i più intellettuali). E’ stare fermi e vivere una postura (asana) al massimo delle proprie possibilità e a volte è sfidare se stessi oltre i propri limiti e le proprie paure e scoprire persino che stare a testa in giù non è poi così male!

Con suddetta introduzione vi do il benvenuto in questa rubrica che strizza l’occhio allo yoga e a tutto l’universo yogico del nostro millennio, con alcune note tecniche e approfondimenti, perché per quanto mi riguarda, la conoscenza è sempre l’arma migliore!

A presto

Tea

1 commento

  • Pratico yoga in ogni momento della giornata grazie al mio lavoro, che mi mette a contatto e unisce continuamente a tante persone. Si comincia da lì, dalla quotidianità e molto spesso è più faticoso della la pratica fisica, dove noi, si suda parecchio! Grazie Tea un abbraccio
    Hari Om Tat Sat

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: