Possono partire, con l’intesa sulla convenzione urbanistica più volte modificata nel corso degli ultimi mesi, i lavori che porteranno il prestigioso Hotel Windsor di Laigueglia, chiuso da oltre dieci anni, a riavviare l’attività alberghiera. l’Hotel Windsor, a due passi dal mare, nel centro storico di Laigueglia, ha persino rischiato, in quati anni di essere trasformato in un centro di accoglienza per i migranti. Amministrazione comunale e società proprietaria, Windsor Srl di Torino, a conclusione di un confronto, a volte diventato uno scontro, per cui si era arrivati anche davanti al  Tar Liguria,per il mantenimento totale della destinazione alberghiera, sono riusciti a trovare l’accordo su di un’operazione che ha consentito alla proprietà di ottenere un “parziale svincolo“ della destinazione d’uso alberghiera con la trasformazione in superficie residenziale di 408 metri quadrati (parte del quarto piano e il sottotetto), insieme con  una generale riqualificazione della restante porzione di immobile, pari a 1.551 mq (4 piani e mezzo), che resterà a destinazione alberghiera con passaggio alla classificazione 4 stelle super, anziché 3 stelle.

L’Hotel Windsor, con i suoi 102 posti letto, nonostante avesse cessato l’attività ricettiva alla fine del 2007, aveva conservato il vincolo alberghiero. Il progetto presentato dalla Windsor Srl, a firma degli architetti Guido Massucco e Alessandro Raggio, ha messo in rilievo “l’oggettiva impossibilità all’integrale riqualificazione dell’edificio in funzione ricettiva in quanto risulterebbe non solo economicamente insostenibile, ma – ancor prima – oggettivamente impossibile per insuperabili ragioni di carattere urbanistico-edilizio e paesistico”. La nuova struttura alberghiera disporrà di 26 camere, 52 posti letto effettivi e 23 posti letto aggiuntivi. L’impegno cui si è addivenuti ne che è parte integrante della convenzione tra il Comune a la proprietà, è di mantenere il vincolo di destinazione ad uso alberghiero per una durata minima di venti 20 anni.