venerdì, Maggio 24, 2019
Home > Attualità > A Spotorno proiezione di “Kiki, consegne a domicilio”

A Spotorno proiezione di “Kiki, consegne a domicilio”

kikiDopo il successo della proiezione in anteprima regionale di Secchi e incontro col suo autore Edoardo Natoli, la scoperta per il grande pubblico di un film non arrivato nel circuito ligure come L’anno in cui i miei genitori andarono in vacanza di Cao Hamburger, questa sera ore 21.30 ingresso gratuito – per la terza proiezione di Cinemondo Spotorno, viaggio attraverso i cinque continenti – proietteremo Kiki, consegne a domicilio, il primo capolavoro del regista premio Oscar Hayao Miyazaki e forse la sintesi di tutto il suo straordinario universo creativo: nella parabola della streghetta dagli umili abiti rivive il consueto viaggio iniziatico delle storie del Maestro nipponico, spesso condotto tra i cieli (come ne Il castello nel cielo e Porco Rosso), e quasi sempre con una ragazzina come protagonista. La tappa nel mondo nel continente asiatico ci porterà a conoscere Kiki, una streghetta simpatica e maldestra che parte alla ricerca di una città bagnata dal mare in cui svolgere il suo anno di apprendistato. In compagnia dell’inseparabile gatto nero parlante Jiji, Kiki arriva nella città di Koriko dove inizia a guadagnarsi da vivere facendo consegne a domicilio a cavallo della sua scopa di saggina. Superate le difficoltà iniziali, la giovane strega, grazie ai suoi poteri magici e alla conoscenza di persone che la fanno sentire a casa, riesce a rendersi indipendente. Ma nella vita, si sa, non tutto fila sempre liscio … Il passaggio dall’infanzia all’età adulta è trasparente in ogni scelta e in ogni incertezza di Kiki, un’eroina che dietro la sua apparenza fiabesca nasconde un’anima di concreto realismo. Un inno alla figura femminile, della quale Miyazaki non ha bisogno di negare la grazia per celebrare la forza. Non è un cartoon solo per un pubblico di bambini proprio perché ogni adulto può riconoscersi nell’epica quotidianità dell’amabile fanciulla. Tratto dall’omonimo romanzo di Eiko Kadono del 1985, pubblicato in Italia da Kappalab Edizioni, Kiki – Consegne a domicilio è stato realizzato dallo Studio Ghibli di Hayao Miyazaki nel 1989, un anno dopo il grande successo di critica ottenuto da Il mio vicino Totoro. Nel film la messinscena è realistica e Miyazaki e i suoi disegnatori – che continuano a lavorare alla “vecchia maniera” – realizzano a mano tutti i disegni e limitano al minimo l’uso della computer grafica. Sono attenti a rendere credibile ogni dettaglio attraverso un disegno par-ticolareggiato e un’animazione che rende al meglio la fisicità dei personaggi. Allo stesso tempo, la sfera del magico è limitata a un ruolo di contrappunto nel percorso di crescita, totalmente umano, della protagonista: la perdita dei poteri magici, che comporta passaggi anche narrativamente traumatici – Jiji, il gatto nero parlante, ritorna a essere un gatto normale, Kiki prende un terribile raffreddore dopo aver fatto una consegna sotto la pioggia, e quando guarisce non riesce più a volare – porta però la protagonista a trovare il suo equilibrio in questo nuovo mondo, un po’ difficile, ma che dimostra di avere bisogno della sua magia. Così è anche per gli “effetti speciali” inseriti nel disegno: il volo è talmente normalizzato all’interno della vicenda da risultare naturale. Miyazaki non è, come tanto cinema di animazione occidentale, intenzionato a trasportarci in un’altra dimensione magica, quanto piuttosto a farci percepire la magia del quotidiano, quella che possiamo vedere e toccare semplicemente uscendo dalla porta di casa. Un’esplosione di fantasia, un’apertura nei confronti della realtà e della vita. Curiosità. In Italia esistono due edizioni del film, entrambe curate da Gualtiero Cannarsi: la prima (Disney-Buena Vista, 2001) avrebbe dovuto basarsi sull’adattamento americano del film ma Cannarsi, ritenendo che il copione Disney ne avesse totalmente stravolto lo spirito, riuscì ad ottenere la possibilità di riadattare i dialoghi partendo dal copione giapponese. La colonna sonora rimase invece quella dell’edizione Disney, con sostituzione e talvolta aggiunta di musiche e di effetti sonori; le canzoni italiane Volare in alto e Voglio volare via furono quindi tradotte dalle canzoni Soaring e I’m Gonna Fly, appositamente composte per l’edizione americana in sostituzione delle canzoni originali. La seconda edizione, che la Lucky Red ha curato nel 2013 una volta acquisiti i diritti di distribuzione, ha finalmente restituito al film la bel- la colonna sonora originale: le canzoni italiane sono state quindi sostituite da quelle giapponesi, cantate da Arai Yumi, e tutti gli effetti sonori che la Buena Vista aveva inserito nella precedente edizione per rendere il film più “disneyano” sono stati eliminati. Cinemondo Spotorno poi omaggerà, a cent’anni dalla nascita, la maschera di Charlot (vagabondo con baffi, bombetta e bastone) con la proiezione di tre dei suoi cortometraggi; poi due commedie/romanzi di formazione realizzati ai due lati opposti dell’emisfero. E il 25 agosto la rassegna si concluderà con I motorizzati di Mastrocinque, commedia italiana di qualità sugli italiani e il loro rapporto con l’automobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *