martedì, Ottobre 22, 2019
Home > Rubriche > APPUNTI E DISAPPUNTI

APPUNTI E DISAPPUNTI

di Lorenzo Ivaldo

Lunedì scorso non ho scritta la mia settimanale rubrica perché attendevo il risultato delle elezioni catalane per commentarle e formulare gli auguri di buone feste. Giovedì 21 i Catalani hanno votato e, come abbastanza prevedibile, hanno espresso un risultato di difficile interpretazione. I commentatori, costretti ad interpretare immediatamente i risultati elettorali si sono fermati a commenti del tutto superficiali. Re melius perpensa (come dicono i cultori del latino, quorum ego) e basandoci sui dati numerici possiamo affermare due cose: 1°) Nel 2015 gli indipendentisti avevano ottenuto 62 seggi, oggi divisi in due partiti sono passati a 66. Per contro la CUP (Candidatura d’Unitat Popular), il Partito marxista leninista, più a sinistra di Pol Pot, aveva ottenuto, nel 2015, dieci seggi ed ieri è scesa a quattro. In definitiva la maggioranza indipendentista è passata da 72 seggi che aveva nel 2015 a 70: ancora un paio di vittorie così e non avranno più la maggioranza. Altro che il 90% ottenuto nel referendum del 1 ottobre! Inoltre tre dei nuovi eletti sono in carcere ed altri tre, oltre l’ex Presidente Puigdemont, sono all’estero e se rientrano in Patria saranno incarcerati perché esiste un mandato di cattura nei loro confronti emesso dall’Audiencia Nacional (*). Almeno sei/sette eletti nelle elezioni di giovedì scorso, quindi, non è sicuro possano essere presenti nella prima riunione dell’Assemblea catalana. Ammesso che non possano, non potranno nemmeno essere sostituiti ( a meno che non diano le dimissioni) non essendo ancora divenuti ineleggibili perché manca la condanna comminata da una sentenza passata in giudicato. Per contro l’ex vice presidente Santi Vila, arrestato con gli altri ai primi di novembre, non è finito in carcere perché il 26 ottobre si era dimesso in dissenso con la dichiarazione di indipendenza di Puigdemont e dopo l’arresto aveva risposto alle domande del Giudice (al contrario degli altri arrestati), aveva pagato una cauzione di 50.000 € ed era stato rimesso in libertà. Siccome anche in Spagna la Magistratura è organo indipendente dall’ esecutivo, finché esiste l’art. 155 della Costituzione la Magistratura è tenuta a rispettarlo e questo lo sapevano anche Puigdemont e soci. Sarebbe stato bello lo avessero spiegato bene agli elettori della Catalogna. Sarebbe anche bene che, invece di continuare a contare palle ed incitare all’ insurrezione i cittadini sprovveduti, spiegassero agli elettori che in uno Stato di diritto la Magistratura fa rispettare le leggi vigenti, condannando chi non le rispetta. Le leggi (anche quelle costituzionali) possono essere cambiate, ma non si può farlo a furor di popolo (a meno di non fare una rivoluzione cruenta), ma occorre mettere in atto un procedimento legislativo dello stesso tipo di quello che le ha prodotte. Dalla parte degli indipendentisti, inoltre, nei 70 seggi sono conteggiati i seggi di CUP che non è detto siano disponibili ad appoggiare un governo catalano che apra trattative con Madrid. Bisogna, infatti, tenere presente che la CUP, dopo avere partecipato per due anni circa alla maggioranza che sosteneva Puigdemont, ha perso il 60% dei suoi voti e,forse, non avrà più il coraggio di sostenere governi velleitari, ma si rinchiuderà in una opposizione dura e pura, indisponibile a tutto se all’uscita dalla Spagna a qualunque costo. Bisogna ricordare che Puigdemont aveva fatto al dichiarazione di indipendenza perchè altrimenti la CUP avrebbe tolto l’appoggio al suo governo. Quindi è assai improbabile che si formi un nuovo Governo catalano di ispirazione indipendentista.

2°) Nel campo degli unionisti si è assistito al trionfo della lista di Ciutadanos che è passata dai 25 seggi ottenuti nel 2015, ai 37 raggiunti nella votazione dell’altroieri. Con questo risultato Ciutadanos supera ciascuna delle due liste degli indipendentisti. I voti Ciutadanos li ha sottratti al PP, il Partit popular di Mariano Rajoy, che è il vero sconfitto essendo passato da 11 seggi conquistati nel 2015 ai 3 ottenuti giovedì 21. Un risultato modesto ha ottenuto, anche, Ada Colau, il Sindaco di Barcellona, conseguendo solo 8 seggi. Evidentemente gli elettori non hanno capito la sua posizione né con Puigdemont, né con Rajoy. Infine, Podemos è rimasta sulle proprie posizioni: 17 seggi contro i 16 del 2015. In definitiva la partita si gioca su cinque seggi soltanto.. Questo farebbe venire meno la potenziale maggioranza, che è già gravemente ridotta dall’assenza degli eletti attualmente ristretti in carcere o, in esilio, in Belgio. Tenendo conto di questo e valutando la situazione nazionale, credo sia possibile la costituzione di un governo minoritario che riesca ad avere un voto di fiducia dal Parlamento catalano su un programma che veda al primo punto una trattativa con il governo di Madrid; trattativa fondata sia su concessioni di autonomia più accentuata per la Catalogna (anche dal punto di vista del mantenimento sul territorio catalano di maggiori proventi dalle entrate fiscali) e che abbia come richiesta politica ineludibile l’abolizione dell’art. 155 della Costituzione spagnola. Cosa, quest’ultima, che sarebbe ben accolta dalla UE che ha più volte chiesto alla Spagna di modificare questa norma che, per la sua genericità, è poco compatibile con la gestione di una vita democratica matura. Il mio auspicio è, in primo luogo, che la Spagna e la Catalogna riescano a superare questa crisi politica e possano trovare un punto di incontro da cui partire, superando gli scontri di questi ultimi mesi che hanno gravemente pesato sull’ economia della Catalogna e di tutta la Spagna. Inoltre, mi auguro, egoisticamente, che l’esempio che è venuto dai voti catalano, tedesco ed inglese, sia di insegnamento anche per gli elettori italiani che spero capiscano che in questi momenti difficili al governo del Paese ci si deve mandare gente moderata e capace e non apprendisti stregoni che, come dimostrano i sindaci di Roma e Torino, promettono cose di cui non conoscono la portata reale e finiscono per vagare a tentoni come i ciechi. Ricordando che, come ci ha insegnato Benedetto Croce, un politico si può definire pienamente onesto se realizza presto e bene quanto ha promesso in campagna elettorale.

(*) L’ Audiencia Nacional venne creata attraverso il Reale Decreto-Legge, il 4 gennaio del 1977, lo stesso giorno nel quale veniva soppresso l’oltraggioso Tribunale dell’Ordine Pubblico (TOP) della dittatura franchista. La AN ne risulta l’erede diretta in materia di repressione politica. Fin dalla sua creazione caddero abbondanti critiche su questo organo giuridico. Va detto, anche, che il mandato di cattura emesso dall’Audencia Nacional è stato reso valido solo per il territorio spagnolo, per cui chi è fuggito a Bruxelles, come Puigdemont ed altri ex ministri del Governo catalano, non corrono rischi di estradizione ma se rientrano in Spagna possono essere arrestati immediatamente arrestati.

A tutti i lettori l’augurio di BUONE FESTE, con l’auspicio che il 2018 ci porti non quello che desideriamo ma ciò che è bene per ognuno di noi.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *