domenica, Giugno 16, 2019
Home > Sport > Dentro alle istituzioni sportive – La riforma non è più battaglia

Dentro alle istituzioni sportive – La riforma non è più battaglia

“La riforma del Coni? Non è più una battaglia, così come non è ancora una riforma. Non è una battaglia, perché il mandato del consiglio era quello di dialogare ed essere propositivi e collaborare, cosa che stiamo facendo sugli aspetti attuativi. Non è neanche una riforma, perché si tratta di un articolo di una legge. Per farla diventare una riforma serve concretezza pratica con i decreti attuativi”. Con queste parole il presidente del Coni, Giovanni Malagò, al termine del Consiglio informale del 9/1 ha commentato i lavori”.”Con ‘Sport e Salute‘ stiamo andando avanti. Lo statuto sarà approvato a brevissimo (forse il 16 gennaio) e partirà a breve anche la procedura per la nomina del consiglio di amministrazione”, ha replicato il sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Al Coni, intanto, si continua a parlare appunto della riforma dello sport, che ora è legge e va attuata. “La linea del governo è quella di governare, si va nella direzione di questa riforma e la mia idea è quella di dialogare per cercare di migliorarla quanto è possibile. Dobbiamo costruire non fare voli pindarici”: così il presidente della Federbasket ed ex n.1 del Coni, Gianni Petrucci. “Non si tratta di dare meno potere al Coni – aggiunge uscendo dal consiglio del Coni informale – io ne ho passati di questi momenti, dico solo che le leggi devono essere rispettate. Cerchiamo di applicarle nel modo più intelligente per gli interessi dello sport italiano”. Posizione questa condivisa da altri presidenti. Anche Paolo Barelli, presidente del nuoto che porta sempre tante medaglie, è critico. “Non si deve aspettare o auspicare che il governo cada così la legge non viene fatta, bisogna invece accompagnare il governo per puntualizzare le cose che non sono chiare. A me risulta che ci sono cifre anche superiori destinate alle Federazioni rispetto agli altri anni, anche se il Coni deve rimanere centrale nell’attività olimpica. Inutile fare la rivoluzione per non applicare le norme. All’incontro di oggi c’è stata la preoccupazione da parte di alcuni presidenti perché non sono stati ancora ben informati, nelle prossime settimane il governo deve completare con le procedure per dare chiarezza”.Al Coni restano però convinti che la riforma sia stata scritta male e che non sia attuabile perché va cambiata la legge Melandri (vedi Spy Calcio del 3 gennaio), ma Lega-5Stelle sono determinati a chiudere la partita-con i decreti attuativi e il contratto di servizio- entro questa primavera, al più tardi a giugno. – “La riforma del Coni? Non è più una battaglia, così come non è ancora una riforma”. Lo ha detto il presidente Giovanni Malagò. “Non è una battaglia perché il mandato del Consiglio era quello di dialogare ed essere propositivi e collaborare, cosa che stiamo facendo sugli aspetti attuativi. Non è neanche una riforma perché si tratta di un articolo di una legge. Per farla diventare una riforma serve concretezza pratica con i decreti attuativi”, aggiunge il capo dello sport italiano. “Due cose riconosciute da tutti: la legge va rispettata, e noi siamo obbligati a farlo, e serve la massima collaborazione. Il fatto che non cambi molto, in giunta e consiglio non è emerso. Anzi, all’unanimità è stato riconosciuto che potrebbero cambiare molte o poche cose a seconda di come sono scritti i decreti attuativi. Questo -conclude- è stato detto da tutti, poi se davanti ai microfoni qualcuno dice altre cose io non lo so. Il clima è molto sereno, questa partita va giocata tutta su questi temi”. Alcuni presidenti di Federazioni sono scettici o preoccupati, altri (anche di Federazioni importanti) sono invece a favore della manovra. E gli atleti? Poche voci si sono sentite in questi mesi, molti preferiscono non esporsi, si disinteressano di questioni di politica sportiva, o magari condividono quello che sta facendo il governo. Il 16 gennaio, al Salone d’onore del Coni, intanto si terranno gli Stati generali dello sport italiano. Una giornata intensa, dal mattino alla sera. Titolo della manifestazione, “Coni, futuro segnato e/o futuro sognato?”.
Sport e Salute? Barbaro propone “Agenzia nazionale per lo sport e il benessere
Sport e Salute Spa? No, per il senatore della Lega, Claudio Barbaro, questo nome non va bene, tanto che ha promosso un disegno di legge da presentare a Palazzo Madama per istituire una “Agenzia nazionale per lo sport e il benessere ” (Agen Sport, nome peraltro non nuovo) che vada a sostituire l’attuale Coni Servizi. Barbaro, uomo di sport (è presidente Asi e siede in consiglio nazionale del Coni), è a favore di questa riforma voluta dal governo. “Il movimento va sostenuto nelle sue fondamenta, affinché sviluppi virtuosità ed efficienza anche al vertice”. Si attendono sviluppi visto che la situazione al momento pare piuttosto magmatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *