sabato, Ottobre 19, 2019
Home > Attualità > Il web difende l’Alalunga: dopo le polemiche e gli esposti anonimi, il pubblico si schiera sui social in difesa dei tre giovani imprenditori

Il web difende l’Alalunga: dopo le polemiche e gli esposti anonimi, il pubblico si schiera sui social in difesa dei tre giovani imprenditori

di Michele Alluigi

L’imbarcazione dell’Alalunga Pescatori Savona, la nuova attività dei tre giovani savonesi Davide Busca, Mauro Mantero e Lorenzo Bergesio avviata lo scorso dicembre, più che attraccare come una nuova risorsa per la Darsena di Savona sembrava essere rotolata nelle scarpe degli altri imprenditori come il proverbiale sassolino.

Il loro peschereccio, che vende fritture e panini cucinati con il loro pescato direttamente a bordo e accompagnati dalle birre locali, aveva infatti suscitato lo scontento di alcuni altri ristoratori del porto, che subito hanno definito l’iniziativa di questi neopescatori come una concorrenza sleale; evidentemente, questa riscoperta di una tradizione tipicamente ligure come nuova professione, accompagnata dall’entusiasmo di tre giovani coraggiosi che “si lanciano alla cieca” nel mondo del lavoro, non è stata interpretata come un’ammirabile prova di intraprendenza, bensì come un furto della piazza a chi si trova lì da più tempo di loro.

L’occhio della concorrenza non ha perso tempo nel manifestare il proprio dissenso verso l’ultimo arrivato, ed oltre ai controlli della Asl, dell’Autorità Portuale e della Capitaneria, a seguito dei quali l’Alalunga è risultata in regola, sono arrivati anche gli esposti anonimi ai vigili. Azioni queste che purtroppo confermano lo stereotipo della “tipica accoglienza ligure” che vede i nostri conterranei come scorbutici e chiusi di fronte alle novità.

A dare conforto ai tre imprenditori, letteralmente gettati al centro della mischia, sono però intervenuti non solo i turisti, che hanno apprezzato notevolmente la loro proposta durante la loro visita ad uno dei punti più caratteristici di Savona, ma anche i savonesi stessi, che hanno manifestato sui social network la loro solidarità con commenti di incoraggiamento e messaggi di vicinanza. Immediato il ringraziamento dell’Alalunga, che forte del sostegno dei propri clienti resta fortemente intenzionata a portare avanti la propria attività.

Non resta che auspicare che con l’arrivo della bella stagione il flusso di clienti del peschereccio aumenti, confermando l’altissimo potenziale dell’Alalunga come risorsa per il turismo e la valorizzazione del territorio.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *