domenica, Dicembre 8, 2019
Home > Rubriche > Poesie > “La poesia della settimana”

“La poesia della settimana”

Monologo allo specchio

Io sono…Io sarei….Io avrei dovuto essere…………………..Un bel niente! E perché?? sono troppo pessimista o troppo esigente con me stessa…Forse. E gli altri’? il mondo in questi ultimi vent’anni dove è andato?DEVOLUTION, si dirà così in english, così odiato, ma intanto se lo avessi studiato meglio mi sarebbe servito. Ahi! Mi fa male la caviglia malandata, pioverà… funziona meglio di un barometro, non cercare di deviare dai tuoi pensieri più profondi, però è vero che il tempo influisce sull’umore e oggi sono sul je regrette toute chose.. e perché? vediamo un po’ se, tra le carabattole ammucchiate nella mia faticosa e scarna esistenza, abbia raccolto qualche cosa di valido da salvare oppure no? Punto uno: posso guardarmi allo specchio, mi chiedo quanti lo possono fare senza abbassare lo sguardo, sì posso passare per stupida perché ho creduto nell’amicizia, nelle promesse fatte, nell’importanza del sapere, e perché no, anche nelle idee repubblicane e pure da vent’anni nell’ Europa Unita, sì una povera ingenua… scendi …scendi in terra coi piedi ben piantati nel quo-ti-dia-no. Non amo l’arroganza né l’aggressività, prerogative dell’homo non più sapiens del nostro tempo…e già del terzo millennio…- mi sospiro addosso – ma questa apparente mansuetudine non significa sono qua, bella lunga, a mò di zerbino, ponta all’uso, calpestatemi! Non perdiamo il filo del discorso: sì mi posso guardare negli occhi…sì sono belli e tondi come quelli del cugino famoso… ma la faccina un po’ sbattuta, d’altra parte dopo tutte le traversie e falsi rapporto d’affetto e di fiducia, dopo aver ingoiato cattivi bocconi quotidiani per anni, un vero interminabile incubo, chi non ne uscirebbe sfibrato e un po’ logoro?  Secondo punto: coscienza direi tranquilla; lavoro quando me lo permettono studio sempre, mi occupo della famiglia, non trascuro gli amici… E ti sembra niente? “Homo arrogans”, l’ho coniato un giorno per scherzo ma in realtà trent’anni fa la gente sembrava più affidabile e solidale, mentre ora sembriamo diventati cannibali e la diffidenza uccide i rapporti tra le persone anche all’interno della famiglia, questa crisi dei rapporti umani è stata creata dai malvagi con i loro tradimenti e cattive intenzioni; dialoghi con una persona ma la vocina interiore bisbiglia pensieri dubbiosi; che vuole da te? Soldi? Energie? Un dito, un braccio e poi tutto il resto? Finirà come quella volta che… Terzo punto: Ti senti ancora vivo? Te la senti di continuare? Spero e hai ancora fiducia in te stessa ti senti un’ingenua, l’ultima delle ultime persone che credono ancora che si possa ricevere e fare del Bene in mezzo a tanta indifferente folla senza specchi? E domani? Domani…niente…rinuncerò… così potrò guardarmi in faccia in tutti gli specchi che trovo.

                                                               Gabriella De Gregori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *