martedì, Gennaio 22, 2019
Home > Attualità > Ordine nel mercato immobiliare regionale

Ordine nel mercato immobiliare regionale

L'istituzione di un codice identificativo proposta dagli albergatori


di GIORGIO SIRI - 9 Ottobre 2018, 8:50

Un’azione concreta per debellare l’insostenibile concorrenza sleale da parte degli appartamenti ammobiliati ad uso turistico è stata messa in atto, con la collaborazione indispensabile del professor Lorenzo Cuocolo, costituzionalista tra i più preparati a livello nazionale e con il “placet” dell’assessore ligure al Turismo Giovanni Berrino, con la proposta di una nuova legge regionale che prevede l’attribuzione, ad ogni immobile abitativo che venga messo sul mercato, diuno specifico codice identificativo regionale, il CIR. Sarà una garanzia di qualità più severa rispetto all’attuale normativa, che prevede una semplice presa d’atto, con registrazione, da parte della Regione.

La proposta di legge è stata presentata questa mattina a Savona dal presidente dell’Unione Albergatori, Angelo Berlangieri, dal direttore Carlo Scrivano e dallo stesso assessore regionale al Turismo Giovanni Berrino: “Si è creata un’evidente distorsione del mercato turistico – ha spiegato Berlangieri -, in parte dovuta all’esplosione delle prenotazioni fai da te o appoggiate su portali specializzati. E’ chiaro che chi non compare sul web come soggetto turistico rispettando tutte le normative è avvantaggiato sul piano dei costi a fronte di chi è sul mercato regolare, come gli albergatori.  Ben venga la concorrenza, se dà una spinta al turismo, ma senza barare”.

Molti sono infatti gli operatori border line, con il rischio che il cliente si trovi con una sistemazione inadeguata, e la certezza che il turista scontento provochi un danno all’intera destinazione, cioè all’immagine della Liguria. Di qui l’iniziativa rivolta a rendere obbligatorio il possesso di un codice identificativo da utilizzare in ogni occasione, compresa l’attività di promozione e comunicazione. “Una procedura per nulla complicata e senza costi – ha aggiunto Berlangieri – perché per ottenerlo sarà sufficiente una comunicazione alla Regione Liguria”.

Per capire tuttavia l’entità del problema occorre riferirsi alle stime dell’Osservatorio Turistico Regionale, che indica in 3 milioni le presenze annue negli appartamenti turistici liguri. Che è un grande numero ma che rappresenterebbe solo la punta di un enorme iceberg, in quanto le presenze sono realizzate nei circa 76 mila posti letto che sono registrati in Regione, cifra che, secondo gli addetti ai lavori, rappresenta non più del 15-20 per cento dei posti letto effettivi messi sul mercato.

“Nel 2014, l’anno in cui sono iniziate le registrazioni – ha spiegato ancora l’assessore Berrino – gli appartamenti ‘noti’ alla Regione erano 2.773, di cui ben 2.073 in provincia di Savona. Il numero è cresciuto in modo esponenziale fino a raggiungere, quest’anno, quota 16.965 di cui 5.992 nel Savonese. I posti letto, nello stesso periodo, si sono moltiplicati da poco più di 11 mila a quasi 76 mila. Comunque lo si guardi il fenomeno degli appartamenti ad uso turistico è imponente e segna un nuovo modo di fare turismo, dal lato del cliente, e business turistico dal lato del padrone di casa. Ovvio che ci vuole una disciplina”.

Berrino, nel suo intervento, ha sottolineato il ruolo dell’Unione Albergatori di Savona, “sempre molto propositiva sul piano delle idee e delle iniziative”, ed ha assicurato che la proposta di normativa elaborata con il contributo fondamentale di un costituzionalista come il professor Cuocolo, troverà presto spazio nel dibattito regionale ed è già all’attenzione della competente commissione. Il possesso del codice identificativo avrà il valore di un attestato di serietà sia verso il cliente sia verso le amministrazioni preposte ai controlli.

Immagine da “Scenari Immobiliari”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *