lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > Piaggio Aerospace sull’orlo del fallimento?

Piaggio Aerospace sull’orlo del fallimento?

piaggio p180

Piaggio Aerospace sull’orlo del fallimento? Le voci non sono confermate, ma la preoccupazione dei lavoratori dell’azienda in primo luogo e dell’intero territorio è forte.

Giulia Stella, Segretario generale della CGIL, Confederazione Generale Italiana del Lavoro, così si esprime in merito, in una intervista con un’altra testata

“Abbiamo ottenuto che il Governo dichiarasse la Golden Power cioè il principio per cui, se non c’è l’accordo o il benestare del Ministero della Difesa e del Governo Nazionale, questa azienda rimane sotto tutela in merito a cessioni  vendite, questo perchè Piaggio Aerospace maneggia e produce materiale molto sensibile dal punto di vista militare. E’ molto difficile fare un discorso sindacale perché le carte sono assolutamente coperte. Si sa che quando si ha a che fare con una società che sta negli Emirati e che non ha un rapporto diretto, ma ha dei dirigenti industriali sul territorio sui quali bisogna sempre puntare per avere una mediazione, è molto difficile avere notizie.”

“Noi, rispetto alle voci che circolano e rispetto alle voci di possibili cessioni ai cinesi, e di spacchettamento abbiamo sempre detto che quell’entità deve essere una entità unita. Questa è sempre stata la forza di Piaggio da quando nel primo ‘900 si è insediata in questo territorio. Nonostante le crisi continuative che si sono succedute negli anni siamo riusciti ad avere il progetto del Drone e questa azienda ha sempre avuto un profilo alto per la ricerca, ma abbiamo bisogno di fare chiarezza tenendo presente che c’è stata la costruzione della nuova fabbrica che aveva la missione di contemperare la produzione e la progettazione di velivoli e il mantenimento della revisione e produzione dei motori. Questo deve rimanere il faro principale che guida la trattativa” .

“Oggi come oggi  dopo la presentazione di un piano industriale che da più di 18 mesi prevedeva la divisione, e sul quale il Governo nazionale si era opposto, siamo ancora in questa nebbia e vogliamo capire quanto il Governo in generale e la Società in particolare abbia intenzione di reinvestire per continuare a produrre. Questi sono i dubbi e i segnali che arrivano non sono per nulla confortanti”.

“Noi abbiamo chiesto un incontro al Governo Centrale perchè l’ultimo avuto è stato ad Agosto 2016 dove ci eravamo dati appuntamento di rivederci. Probabilmente il nostro Governo ha anch’esso delle difficoltà ad arrivare ad un livello di conoscenza o di affidamenti. Lo stato però dovrebbe avere interesse a mantenere questo patrimonio in Italia e in particolare a Villanova inserita non a caso all’interno dell’Area di Crisi Complessa. Si è insediata anche un’altra azienda del settore nel territorio, la Laerh a satellite di questa situazione e noi abbiamo bisogno che queste aziende crescano e diano lavoro, ma sono l’Azienda e il Governo nazionale che adesso devono battere un colpo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *