sabato, Maggio 25, 2019
Home > Attualità > Sogni e miti di Sanremo

Sogni e miti di Sanremo

Proprio mentre il pubblico saluta la trascinante canzone di Loredana Bertè “Cosa ti aspetti da me“, alla esibizione della seconda serata, con un entusiasmo ecccezionale, in questa puntata in cui è ospite Pippo Baudo, l'”uomo che ha inventato la televisione”, presentatore storico di Sanremo, proviamo a riprendere il discorso ieri sospeso, sui miti ed i sogni di Sanremo, rimandando sempre al racconto delle canzoni, le “canzoni della nostra vita”, che gli amici e colleghi Boris Carta e Michael Traman, emozionandoci, riportano con passione e competenza. Prima del successo incredibile di Bobby Solo, di Tony Renis, di Gigliola Cinquetti, dei “24.000 baci” di Celentano, nel 1958, Domenico Modugno, in coppia con Johnny Dorelli, vinse il festival con un brano per cui tuttora si spendono parole e che non si dimentica: “Nel blu dipinto di blu” divenuto noto con un altro titolo : “Volare”! Una canzone un po’ strana, un po’ surreale, più consona ad un concorso di poesia che non al Festival della Canzone italiana che, sino ad allora, aveva celebrato l’amore, anzi, più favorevolmente, il malinconico amore finito, non affatto ciò che si legge, sulla propensione delle prime edizioni, in cui concorrevano le canzoni, non i cantanti, all’omaggiare i valori nazionali, patriottici e morali; qualche canzone li richiamava, come “Vecchio scarpone”, quantunque nel testo sempre si ricordino “stelle alpine” raccolte “per farne dono ad un lontano amor”! Ebbene “Volare” non era nulla di tutto ciò, non vi si rimpingeva nè vi si esaltava l’amore, era uno spunto onirico, un momento di evasione, un quadro di Chagall, e fu proprio l’autore del testo, Franco Migliacci, ad affermare che ne aveva tratto l’ispirazione dal dipinto “Il gallo rosso nella notte” del grande pittore Russo! Modugno del resto, nel 1955, aveva pubblicato “Vecchio frac”, divenuta nota in anni successivi, anch’essa, a parte la musica bellissima, più un testo di poesia che non di canzone secondo i canoni del “canto d’amore”!

“Nel blu dipinto di blu” si affermava come un “successo planetario” e Sanremo, la bellissima, storica Sanremo, la città a suo tempo definita da Matilde Serao la più bella delle “villes d’eau” d’Europa, dove aveva voluto trascorrere gli ultimi mesi, nel 1888, prima di ritornare a morire in Germania, lo sfortunato Imperatore tedesco Federico III, l’imperatore liberale, affetto da un tumore alla laringe; Sanremo, la città dove nel 1896 si era spento Alfred Nobel, stava divenendo nota solo per il Festival, un corollario intorno al suo Festival….tutt’al più la tappa finale della “Milano – Sanremo” e, nel 1961, l’anno dei “24.000 baci”,appena decretato l’intramontabile successo di Modugno, Mina presentava sul palco del Casinò un altro brano poeticamente surreale, non disgiunto però dallo spunto d’amore, che veniva pronosticato vincente, qualificandosi però solo al quinto posto: “Le mille bolle blu” !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *