giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto (extra) – Missione “cambio marcia” andata in porto

Sotto l’ombra Del chinotto (extra) – Missione “cambio marcia” andata in porto

Dopo la buona affermazione di sabato scorso in casa della Folgore Caratese, un Savona cinico battendo la Fezzanese nel turno infrasettimanale si è riconfermato seppur fornendo una prova non esaltante. Il terreno di gioco del Bacigalupo non ha inciso questa volta né sul risultato né sulla prestazione, nonostante sia veramente in condizioni pietose. Grandoni alla ricerca dell’alchimia giusta per poterlo sfruttare il fattore interno /persi 11 potenziali punti da inizio campionato) ha schierato gli stessi della fortunata trasferta brianzola ad eccezione di Tognoni indisponibile rilevato da uno spento Piacentini. Il 2 a 0 finale (una rete per tempo ad opera di un super Lombardi, la terza in due partite, e del bomber Virdis , giunto a quota 60, terzo cannoniere di tutti i tempi sotto la Torretta,  grazie ad una stoccata di sinistro) sugli spezzini di Sabatini mai domi (palo di Baudi ed almeno tre palle gol sprecate), consolida il terzo posto e approfittando delle contemporanee sconfitte del Lecco ( che col Sestri Levante ha subito il primo ko stagionale) e della Sanremese (superata di misura tra le mura amiche da un ottimo Inveruno che già a con gli striscioni non avrebbe meritato di perdere) accorcia sensibilmente il distacco dalle due battistrada. Il modulo tattico 4-3-1-2  interpretato con Degl’Innocenti vertice basso, Miele e Bacigalupo le mezzeali, e trequartista Lombardi a supporto di due punte mi fa finalmente ben sperare in prospettiva specie dopo aver constatato la volontà di puntellare il reparto di centrocampo con l’arrivo di Salvatore Federico (classe 99, ex Trapani e Gela). All’uscita dallo stadio, anzichè “mugugni” si sono risentiti commenti positivi ad indicare speranze rinate. Di questa freddissima giornata invernale , quale estimatore del gesto tecnico custodirò nei miei ricordi il piccolo capolavoro di Lombardi al 17° della prima frazione di gioco :  su veloce ribaltamento di fronte il toscano salta netto Zavatto con una finta geniale e fa partire un mancino preciso dal limite, con  Greci che si distende e respinge alla sua sinistra forse perché il tiro difettava di angolatura. Il sorriso parrebbe ritrovato ora domenica prossima sotto con il Chieri. Con i due scontri al vertice Lecco-Ligorna e Casale-Sanremese coincidenti, un’altra vittoria aprirebbe scenari fino ad oggi impensabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *