AttualitàCultura e Musica

“Viaggio nella storia del cinema”: Riso Amaro

di Giada Rizzo

Ogni martedì “L’ Eco di Savona” vi propone un “pezzo di storia del cinema”. Analizzeremo i film, i personaggi e le interpretazioni.

Un viaggio alla scoperta del profumo della pellicola in bianco e nero…ma non solo.

Iniziamo questo viaggio con un film del 1949, un film che narra uno spaccato di vita italiana di quegli anni con assoluta maestria.

Alla stazione di Torino troviamo le mondariso che si preparano a partire per la risaia, fra loro spicca una giovanissima Silvana Mangano (Silvana Meliga nel film) che balla al suono del suo giradischi; in quel momento preciso la vita dei personaggi principali si intreccia in una matassa che sarà difficile sciogliere.

“Riso amaro” nasce durante il periodo del “Neorealismo”: molte attrezzature cinematografiche erano andate distrutte durante la guerra,  le disponibilità economiche erano assai limitate e il cinema stava subendo una vera e propria rivoluzione.

Con il “Neorealismo” si avverte la necessità di raccontare il vero, la vita reale, l’Italia che rinasce; così come in “Riso amaro” spesso gli attori non erano professionisti, era abitudine utilizzare un linguaggio popolare ed i dialetti non mancavano mai.

“Riso amaro” racconta la condizione femminile, la fatica delle mondariso, la vita sempre più difficile ed allo stesso tempo la voglia di riscatto, di tornare alla normalità.

I personaggi principali rappresentano quattro diverse fragilità d’animo:

Silvana (Silvana Mangano) è un “cuor leggero”, Silvana si aggrappa alle persone sbagliate cercando una sicurezza interiore che mai potrà avere.                                                                                            Francesca (Doris Dowling) è una donna forte, combattiva, capace di risolvere i problemi ma conserva in sé quel pizzico di fragilità che caratterizza l’essere umano. Sergente Marco Galli (Raf Vallone) è un militare stanco della vita in divisa, cerca di dare una svolta alla sua esistenza, ma forse il suo cuore è pieno di dubbi e false speranze.  Infine Walter Granata (Vittorio Gassman) un malvivente senza alcuna pietà, ama solamente la sua persona e non ha alcun rispetto per nessuno.

“Riso amaro” è uno di quei film che vanno visti più e più volte per poterlo assaporare veramente, per poterlo capire fino in fondo. Ogni volta è una scoperta, è facile affezionarsi ai personaggi, De Santis riesce a coinvolgere emotivamente lo spettatore tanto da fargli perdere la consapevolezza della vita reale, lo spettatore viene catapultato nel film ed inizia a vivere in bianco e nero.

Se ci si vuole avvicinare al cinema d’altri tempi, “Riso amaro” è sicuramente il film giusto. Vi farà innamorare della pellicola in bianco e nero.

Alla prossima settimana!

Redazione
the authorRedazione

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: