Attualità

2020: “Anno Bisesto, Anno Funesto”

La tradizione nei proverbi vuole l’Anno bisestile, Anno maldestro, funesto e il 2020 ne ha già fatte abbastanza, per meritarsi questo titolo, che sia l’anno del cambiamento, di agire, per uscire dalla crisi, di impegnarci a migliorare. Gentilezza verso di sé e verso gli altri Cominciamo verso sé stessi, chi non ama, cura sé stesso non può pensare, curare gli altri.Durante il confinamento subito, ci siamo estraniati, ci siamo dimenticati di noi stessi, in poltrona davanti alla Tv ai Videogiochi tutto il giorno. Video di “lotte e Nintendo” corredati di testo, invece programmano, abbinano, alternando giochi e per passare il turno occorre fare punti con esercizi: (corsa sul posto, lenta, veloce, alzando le ginocchia come per salire le scale, Irrobustire pettorali per vincere in un altro programma “Natascia coscia” tirando un anello; programma, per battere “Adonis Addominalis”) Alla fine viene effettuata una scheda in base agli esercizi fatti: compreso riscaldamento con stretching, defaticanti finali, nonché i dati di pressione e battiti cardiaci intermedi per soddisfare chi “scoppio, non ce la faccio più” Autorizzano cibo, per poi invitare o pedalare (in cyclette) per guadagnarsi l’agognata bibita. Nei paesini si gode maggiore umanità che in città, nei grandi agglomerati urbani, solo lì, si può persino fare un giretto contemplando la natura, si può dire “Ama Dio, Ama il tuo Prossimo. In questa ottica, può persino essere incluso “l’Assessorato della Gentilezza” che ha un suo coordinamento nazionale e un collegamento anche on line. A Torino hanno istituito la panchina della gentilezza” a Carcare (Sv) hanno realizzato e messo in vendita ”il Gentilino”, un biscotto speciale a base di farina di castagna che riporta il simbolo del Paese, A Modena in questa ottica è stato creato un Istituto con Corsi ad indirizzo “abilità con le mani” rivolto a disegno, pittura, scultura, tatuaggio. Anche Winston Churchill aveva un tatuaggio con l’ancora di Braccio di Ferro. Sempre nell’ambito dell’aiuto hanno A Roma Dino, lo chef dei Poveri, insignito dal Presidente della Repubblica del titolo di Cavaliere, a anni 90, ancora si prodiga ogni giorno, da circa 15anni, nell’ambito della Associazione ”City Angeles”, al coordinamento per preparazione e distribuzione di 300 pasti caldi a senza tetto, con cibi in scadenza ricevuti in dono dai negozi e supermercati.Nell’ottica del volontariato ufficiale, serve maggior voglia di mettersi a disposizione degli altri, aiutare, ma forse servirebbe una sorta di preparazione di circa per i giovani di ambo i sessi, che potrebbe sancire il passaggio all’età adulta Un esempio ci viene dalla Svizzera non ha esercito, ma è un esercito, ed hanno in dotazione divisa e attrezzature che a seconda dei casi portano a casa o lasciano in caserma. sarebbe utile una cosa simile, un servizio civile di 6 settimane per i giovani di entrambi i sessi per interventi in casi di calamità, aiuto disabili, anziani, da inquadrare in una sorta di servizio con i vari gradi come nella CRI.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: