AttualitàCultura e Musica

Festa, oggi, per la comunità finalese, sotto tutti i profili: religioso, sociale e culturale.Dopo quattro anni di lavori, è stato inaugurato il restauro della facciata della Basilica minore di San Giovanni Battista a Finalmarina; il taglio del nastro è avvenuto per mano di Monsignor Calogero Marino, vescovo di Savona e Noli.

Il parroco, Don Giuseppe Militello, così si esprime: “Questo è il primo momento di carattere religioso e spirituale, di inaugurazione di una facciata che sarà descritta nei suoi aspetti tecnici e storici dal personale della Soprintendenza in una data vicina a Pasqua. La nostra parrocchia, con l’ausilio della stessa Soprintendenza e della Diocesi, realizzerà una pubblicazione nella quale saranno descritte nel dettaglio le fasi della lavorazione e i vari interventi di carattere storico e artistico che hanno interessato la facciata nel corso dei secoli. Inoltre – aggiunge Don Giuseppe – è nostro desiderio costituire un’Associazione Culturale per la valorizzazione del patrimonio artistico e religioso della Basilica. Per questo chi volesse essere avvisato delle varie iniziative lasci il proprio indirizzo e-mail in Parrocchia”.

Infine il Parroco ringrazia tutti coloro che hanno contribuito alle ingenti spese per i lavori, per le quali è stato necessario richiedere un mutuo di 200.000 euro, e chi vorrà ancora dare un aiuto. Chi volesse contribuire, può effettuare un bonifico tramite il codice IBAN: IT35 R061 7549 4100 0000 0806 980, presso la filiale della Carige di Finale Ligure, intestato a: Parrocchia di San Giovanni Battista, via Bernini 2, Finale Ligure. Codice Fiscale:82000290096.

La Collegiata di San Giovanni Battista di Finale è uno dei più pregevoli edifi di culto, fra barocco e neoclassisimo, del Savonese e della Liguria.Iniziata nel 1619 venne consacrata nel 1675. Se ne attribuì il progetto a Gian Lorenzo Bernini ma pare più probabile che artisti locali, comunque ispirati al grande artista del seicento romano, ne siano gli autori. La Collegiata ebbe comunque significativi completamenti, nel secolo successivo, ad opera degli architetti finalesi Nicola e Giuseppe Barella, del ticinese Simone Cantoni, del genovese Emanuele Andrea Tagliafichi. Nicola Barella fu autore di importanti modifiche proprio alla facciata; Cantoni progettò i lavori di ricostruzione del Palazzo Ducale di Genova. L’interno della Chiesa custodisce opere di notevole valore di famosi artisti liguri come Brusco, Bocciardo, Merano, Brilla.Nell’aprile del 1930, papa Pio XI elevò la collegiata alla dignità di Basilica Minore.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: