Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURAENTROTERRAPONENTE

Ad Alto domenica inaugurazione del monumento ai Partigiani di Furlani

In ricordo della banda di Felice Cascione

L' artista Flavio Furlani con Antonio Ricci (Foto Daros)

ALTO(CN) – Due giorni di cerimonie e festeggiamenti,nell’entroterra ingauno, in questo fine settimana ad Alto, per il Raduno Interregionale Partigiano, che avrà quale momento clou la cerimonia di inaugurazione del Monumento che raffigura la banda partigiana “Felice Cascione” opera dello scultore Flavio Furlani.
Domani, alle ore 19, prenderà il via la festa con la grigliata di carne, patate di Alto, condiglione e bevande, accompagnata dal concerto del gruppo “Senzapatria” dal titolo: “Tributo ai Nomadi”. Domenica alle 9 e 30 inizierà il raduno, in piazza San Michele: sono annunciati gruppi e delegati dalle sezioni ANPI di Albenga, Imperia, Savona e dai Comitati Provinciali di Cuneo, Imperia e Savona. Alle 10 verrà posta la corona al monumento dei Caduti: ad eseguire il Silenzio sarà il noto trombettista Pier Vittorio Bava. Alle 10 e 30 sarà celebrata la Messa con la partecipazione della Cantoria di Alto, cui seguirà l’inaugurazione del Monumento, donato dal professor Nicola Nante alla popolazione di Alto, in memoria del padre Partigiano Libero Nante che raffigura la banda partigiana “Felice Cascione” mentre canta il famoso inno “Fischia il vento”. La scultura è opera del noto artista ingauno Flavio Furlani. Libero Nante (1920-2004) fu partigiano “Meghettu”, Dirigente Sanitario dell’ospedaletto da campo a Carnino e poi della Brigata Nino Berio ad Alto, nell’imperiese; medico e primario chirurgo, fu anche imprenditore impegnato nella ricostruzione postbellica della rete di assistenza sanitaria ingauna, fondatore di due Case di Cura, di cui una, la “San Michele” ad Albenga, è ancora in attività. Alle 11 ci saranno i saluti del sindaco di Alto Renato Sicca ed a seguire gli interventi delle autorità presenti: vari rappresentanti dei comitati e sezioni ANPI, del Gruppo di Vendone e Curenna, della Pedalata Resistente, Giorgio Ferraris (sindaco di Ormea), Onorevole Sergio Soave (presidente ISCREC Cuneo), Onorevole Giovanni Giovanni Rainisio (pres ISCREC Imperia), Mauro Righello (pres. ISREC Savona), Paolo Allemano (pres. ANPI Prov. Cuneo), Amelia Narciso (pres. ANPI prov. Imperia), Renato Zunino (pres ANPI prov.Savona), Gianni De Moro ( pres. FIVL di Imperia) e della nota scrittrice ed affermata giornalista Donatella Alfonso.
Ci saranno anche una esposizione di pannelli che raccontano la vita di Cascione, realizzati dagli studenti del Liceo artistico “G.Bruno” di Albenga, guidato dalla dirigente scolastica Simonetta Barile; una mostra fotografica sulla Resistenza a cura di Pino Ghisalberti e sarà possibile anche visitare il Castello dei Conti Cepollini, con ingresso alle ore 15 ed alle ore 18. La manifestazione è organizzata di concerto tra Comuni di Alto ed Albenga, con la Provincia di Cuneo, la Regione Piemonte, la FIVL (Volontari della Libertà), la Regione Liguria, gli Istituti Storici della Resistenza e dell’Età Contemporanea delle Province di Savona e di Imperia, le sezioni ANPI del comprensorio ingauno ed i Comitati provinciali ANPI di Cuneo, Imperia e Savona.
CLAUDIO ALMANZI

CLAUDIO ALMANZI
the authorCLAUDIO ALMANZI
Giornalista dal 1980 ha lavorato con Il Tempo di Roma, l' Ora di Palermo, Il Mattino di Napoli Il Secolo XIX di Genova (per 25 anni nelle Redazioni di Albenga e Savona) L' Avvenire (per oltre 20 anni per la Pagina Ponente Sette) Il Corriere Mercantile e con decine di testate cartacee ed on line. Ha diretto svariate testate giornali e bollettini professionali. Vive ad Albenga.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: