Please assign a menu to the primary menu location under menu

Archivi

ATTUALITÀ

Agevolazioni dalla Regione per l’Agricoltura

L ‘Assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai,  ritorna sulla dichiarazione della stato di calamità per la floricoltura e spiega gli ulteriori passi: “La settimana scorsa abbiamo dichiarato lo stato di calamità per la floricoltura in tutta la Liguria . Adesso ci aspettiamo un intervento concreto da parte del governo. In attesa che siano presi dei provvedimenti nazionali, per le aziende liguri sarà possibile segnalare i danni con un apposito modulo che ci consentirà di stimare i fondi necessari per aiutare il comparto”.

“Questo modulo avrà valore sia nel caso in cui il governo decida di riconoscere la calamità erogando i contributi attraverso il Fondo di solidarietà nazionale, sia nel caso in cui venga istituito il Fondo straordinario per la floricoltura che da tempo sto chiedendo insieme agli assessori di tutte le regioni italiane”.

“La segnalazione dovrà essere trasmessa all’Ispettorato agrario regionale entro il 3 giugno. Dovranno essere indicati i dati aziendali e il calcolo dei danni subiti. Nel dettaglio, per i tre anni precedenti, dovranno essere ricostruiti i fatturati relativi al medesimo periodo della calamità. A tutto ciò andrà allegata anche una documentazione fotografica”.

“Voglio precisare che questo modulo ci consentirà di raccogliere i dati, ma sarà efficace solo se il governo deciderà di riconoscere lo stato di calamità e di stanziare i fondi necessari o istituirà il fondo straordinario, per il quale abbiamo chiesto almeno un miliardo di euro. Sono settimane che personalmente porto al ministro Teresa Bellanova il grido di aiuto di un comparto cruciale per la Liguria. La floricoltura vale circa l’80% del Pil agricolo regionale e rappresenta un’eccellenza riconosciuta in tutto il mondo. È giunto il momento di intervenire con aiuti concreti di portata nazionale. Spero che il ministro comprenda la situazione e ci aiuti”.

Per quanto riguarda l’erogazione dei fondi previsti dal Programma di Sviluppo Rurale, da oggi ne sarà possibile la concessione senza l ‘effettuazione dei sopralluoghi. Grazie a un provvedimento specifico dell’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura, da oggi i beneficiari del Psr potranno presentare la richiesta di contributi tramite uno specifico modulo di autocertificazione.

L’assessore  Stefano Mai, ringrazia Agea e così si esprime in merito:

È il frutto della collaborazione tra Agea e un gruppo di Regioni, fra le quali la Liguria, per permettere una rapida erogazione dei contributi del Psr. Si tratta di una soluzione che permetterà di garantire il rispetto di ogni misura necessaria per contenere la diffusione del Covid-19. In questo periodo è impossibile per gli ispettori regionali eseguire i sopralluoghi necessari a verificare i lavori e gli acquisti fatti relativamente ai progetti finanziati con il Psr. Tuttavia, a seguito dell’emergenza Coronavirus, l’agricoltura è in forte sofferenza e ha bisogno di iniezioni di liquidità. Il provvedimento di oggi ci consentirà di agire proprio in questa direzione”.

“Quindi, nel caso in cui si chieda il saldo dei contributi spettanti, si potrà allegare semplicemente una relazione fotografica. Il materiale sarà vagliato celermente dagli uffici regionali per consentire l’erogazione dei contributi. Questa è un’iniziativa importante che si somma a quanto ho già previsto nei giorni scorsi con la possibilità di ottenere l’erogazione dell’80% dei fondi del progetti Feamp per la pesca tramite l’invio di una documentazione fotografica”.

“Deve essere chiaro che serve mettere in campo ogni misura possibile per supportare i settori dell’agricoltura e della pesca. Come Regione Liguria stiamo utilizzando tutti gli strumenti in nostro possesso. Oggi voglio ringraziare Agea per questa ulteriore possibilità”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: