AttualitàCultura e Musica

Angelo Ruga; terra e natura

Angelo Ruga (Torino 1930 – Clavesana 1999), nel ventesimo anniversario della morte, viene celebrato, ad Albissola Marina, dall’ associazione culturale che porta il suo nome, con la  mostra “Sulla soglia del labirinto”. Angelo Ruga 1930 – 1999, diffusa in tre diverse sedi: Circolo degli Artisti; Balestrini Centro Cultura Arte Contemporanea; nuovo spazio culturale Lavanderia, che proprio nell’occasione, verrà inaugurato e illustratoo al pubblico.

La “Lavanderia” prende il nome dall’effettiva funzione che il locale, situato nel centro storico di Albissola Marina,in via Stefano Grosso, svolgeva al tempo in cui ne era proprietaria la moglie di Angelo Ruga, Biagina Baccani Ruga, che lo lasciò in eredità all’Associazione Culturale di cui fu ideatrice e co-fondatrice nel 2009. Albissola Marina  così di un nuovo spazio culturale, che va ad aggiungersi alla Galleria il Bostrico, a Balestrini Centro Cultura Arte Contemporanea, alla Fornace Alba Docilia, a Pozzo Garitta e ad altri spazi culturali di cui il centro della Ceramica è giustamente dotato.

Mostra e Lavanderia verranno inaugurate sabato 16 novembre, con una conferenza che si terrà,alle ore 17:00, al MuDA Centro Esposizioni, in via dell’Oratorio 2, alla quale prenderanno parte il Vicesindaco di Albissola Marina Nicoletta Negro, il Sindaco di Clavesana Luigi Gallo, la Presidente dell’Accademia Albertina di Torino Paola Gribaudo, il Presidente dell’Associazione Ruga Mauro Baracco, il curatore della mostra Luca Bochicchio, i critici d’arte Sandro Ricaldone e Giovanni Gobbi. A seguire, dalle 18:30 sarà possibile visitare le tre sedi della mostra.

Con l’occasione, sarà lanciata la serie editoriale dei “Quaderni della Lavanderia”, una collana di pubblicazioni periodiche curata dall’Associazione Ruga e dedicata all’approfondimento dell’arte e della cultura contemporanea.

La mostra Sulla Soglia del Labirinto. Angelo Ruga 1930-1999, curata da Luca Bochicchio e organizzata da Mauro Baracco e Giulia Gaggero dell’Associazione Culturale Angelo Ruga, è parte di un percorso di studio volto a rivalutare in modo critico e storiografico l’opera di Angelo Ruga.

Nella sezione del Circolo degli Artisti saranno esposte opere in ceramica, molte delle quali inedite o poco viste. Presso Balestrini Centro Cultura Arte Contemporanea la mostra verterà su personaggi fantastici analizzati da Ruga durante la fase matura della sua carriera (arlecchini, spaventapasseri, ecc.). Infine, gli spazi della nuova Lavanderia saranno dedicati alla pittura di paesaggio, forse la più nota di Ruga eppure ancora caratterizzata da ampie zone inesplorate e inedite.

Dopo gli studi al liceo artistico e all’Accademia Albertina di Torino, nel 1954 Ruga si trasferisce per pochi anni ad Albisola (Savona), dove entra in contatto con i gruppi dell’avanguardia internazionale che lì si ritrovano, stringendo in particolare rapporti con Asger Jorn (1914-1973), che di Ruga eseguirà un ritratto oggi conservato al Museum Jorn di Silkeborg (Danimarca). L’influenza dell’espressionismo astratto e dell’informale europeo in lui è, tuttavia, mitigata da una personale interpretazione della costruzione dell’immagine, attraverso un segno e una dimensione spaziale in cui si possono trovare sorprendenti assonanze con la pittura giapponese. Trasferitosi sulla collina di Mongreno, a Torino, realizza un primo originale ciclo di vedute della città in cui si innestano macroscopiche presenze di insetti. Pur continuando a frequentare Albisola, dove si dedica con risultati eccellenti anche alla scultura in ceramica, un’autentica svolta avviene con il trasferimento definitivo a Clavesana (Cuneo), nelle Langhe. Qui Ruga dà vita ai suoi più importanti cicli pittorici, frutto di solitarie riflessioni che sviluppa mentre è immerso nelle colline, alternando a versi poetici schizzi, disegni e dipinti a olio, anche di notevoli dimensioni, e lavorando sporadicamente a sculture di assemblaggio e di ceramica.

Come si legge nel comunicato dell’associazione, l’arte di Ruga, pur rivelando tangenze all’informale europeo di derivazione surrealista, all’espressionismo storico, a canoni stilistici tipici dell’estetica nipponica così come a più vicine ricerche sintetiche sul paesaggio italiano – come, ad esempio, a Tullio Pericoli (1936) – si caratterizza per una decisa autonomia espressiva, inconfondibilmente riconducibile all’autore. Un segno dalla forte potenza grafica serve sia a definire figure primarie, quasi ancestrali (madri, bambine, totem, animali, vigne), sia a restituire una visione comprensiva, astratta e simbolica del paesaggio, inteso nella sua dimensione cosmica di terra e natura.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: