Attualità

ANMIL celebra la 70 giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro

Si è tenuta, alla presenza dei sindaci del territorio, dei rappresentanti delle associazioni coinvolte e delle forze dell’ordine, la celebrazione della 70 giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro a cura dell’ANMIL (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi del Lavoro).

“Questa è l’edizione numero 70 e voglio ricordare tutte le vittime del lavoro”, dichiara uno degli organizzatori dell’evento, “e ringrazio chi ci ospita. L’associazione è sempre attiva sul territorio e riscopre luoghi particolari della città”.

Stessa soddisfazione da parte di Rita De Falco, presidente territoriale ANMIL, “Questo giorno si celebra in un contesto drammatico per il paese; al dramma delle morti per Covid si affianca la preoccupazione per la tenuta economica del Paese che inquieta tutti ma soprattutto noi che rappresentiamo le fasce più deboli della popolazione. Citando John Fitzgerald Kennedy ci siamo proposti, prima di chiedere che cosa il Paese deve fare per noi quello che noi possiamo fare per il nostro Paese; per fare questo abbiamo dato vita alla Scuola della Testimonianza per far diventare i nostri soci formatori della sicurezza per trasferire nel mondo del lavoro la cultura della prevenzione. Siamo convinti che, in questo contesto drammatico della pandemia, la credibilità come testimonial li possa trasformare in ambasciatori della prevenzione indispensabili per stimolare comportamenti corretti sul lavoro e nella vita relazionale; i dati di quest’anno sono stati influenzati dal periodo di lockdown che ha interrotto le attività lavorative determinando un conseguente calo delle denunce registrate in modo abbastanza omogeneo sull’intero territorio. L’associazione confida che ci sia un cambio di strategie da parte delle istituzioni che possa condurre ad una nuova visione di una cultura della prevenzione ma accanto alla prevenzione occorre tutela; non possiamo lasciare come estranei al danno ed al risarcimento i parenti dei morti sul lavoro. Vogliamo rappresentare questi diritti negati a cui dobbiamo aggiungere la situazione degli orfani dei caduti sul lavoro che, a 18 anni, si vedono negato il diritto alla rendita; accanto a questa visione di diritti civili ci sono richieste più tecniche come la razionalizzazione del fondo vittime gravi infortuni e dell’assegno funerario, riconsiderare ed attuare l’assegno di incollocabilità e di assistenza personale continuativa, l’abolizione del divieto di cumulo e la definizione dell’esclusione della rendita ai superstiti dal reddito rilevante ai fini ISEE. E’ indispensabile vedere questa tematica in modo nuovo creando un sistema di politiche attive libero dalla burocrazia e orientato realmente ad un incontro proficuo tra domanda e offerta; ringrazio tutti voi e riassumo brevemente cosa possiamo proporre : contribuire con la testimonianza degli infortunati a diffondere la cultura della prevenzione, riconoscere i diritti civili legati all’infortunio, deburocratizzare e razionalizzare la rete di tutela ed integrare nel sistema delle politiche attive le associazioni”.

“Porto il saluto della direttrice”, afferma la dottoressa Silvia Marullo in rappresentanza dell’Inail, “e voglio dire che, a causa del lockdown, ci sono stati meno infortuni e decessi ma mi aspettavo una riduzione più drastica. Il Covid viene considerato infortunio per coloro che sono in contatto con soggetti a rischio come medici, infermieri ed oss mentre per altri il riconoscimento è possibile dopo alcune indagini; mi occupo di reinserimento e mi accorgo che occorre una maggiore attenzione verso i corsi per la sicurezza usando la testa. Due anni fa abbiamo realizzato alcuni eventi in collaborazione con l’istituto alberghiero di Finale per la prevenzione nelle cucine ma voglio ricordare che nel 2016 è stato attuato un progetto di reinserimento che le aziende sembrano non conoscere; ci sono progetti e fondi dedicati ai lavoratori ma riconosciuti come interventi portati avanti dalle aziende. Quando si sponsorizza un progetto c’è molto interesse perchè le difficoltà per il lavoratore vengono meno”.

“A Cairo Montenotte c’è un monumento dedicato ai caduti sul lavoro che dal 1999 non è più aggiornato”, sottolinea il sindaco Paolo Lambertini, “ma la sicurezza nei luoghi di lavoro è una priorità e vorremmo alzare il livello d’interesse sul tema”.

“Questa giornata è celebrata a livello nazionale ma occorre pensare cosa succede agli invalidi del lavoro. La mancanza di sicurezza si può avere sia da parte dei lavoratori che dalla parte delle aziende ma entrambe le categorie devono prestare attenzione e collaborare; dobbiamo insegnare la tutela sul lavoro e andiamo nelle scuole per promuovere la sicurezza. Ora siamo in contatto con una vetreria di Carcare che ci invita e noi portiamo alcuni invalidi per raccontare le loro esperienze; bisogna valutare tutte le norme sulla sicurezza valorizzando la collaborazione tra aziende e dipendenti”, conclude Rita De Falco.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: