Rubriche

Appunti e disappunti

di Lorenzo Ivaldo 

Alcuni giorni or sono ho seguito il dibattito sul programma di Lilly Gruber “Otto e mezzo”. Erano presenti il Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, Pier Camillo Davigo, il Direttore de “Il Foglio” Claudio Cerasa ed un terzo ospite che non ho capito chi era. Il momento non era fra i migliori per parlare del funzionamento della Magistratura atteso che era appena venuto alla luce il caso di quella persona di Taranto condannato a 24 anni per omicidio il quale, dopo avere trascorso 20 (dicesi venti) anni in carcere ed essere alla vigilia della similibertà, in sede di revisione del processo è stato “assolto per non avere commesso il fatto”. Ovviamente il Presidente dell’ANM, pur deprecando il fatto in sé, ha cercate di difendere la categoria con qualche venatura isterica nella voce. Il dott. Davigo si mostrava, infatti, molto fastidio per la presenza del Direttore de “Il foglio” un giornale di nicchia che è molto critico nei confronti della Magistratura, a differenza de “Il Fatto quotidiano” (altrettanto di nicchia malgrado il suo direttore Marco Travaglio, sia quotidianamente in televisione ospite di talk show e programmi di varietà vari). Certamente Davigo ha più di un motivo per essere innervosito dalla presenza di Cerasa che non ha mai lesinato critiche feroci (secondo me giustificatissime) alla magistratura ed in particolare al presidente dell’ANM. Recentemente Cerasa ha scritto che “Davigo è pronto a scendere in campo per candidarsi direttamente alle presidenziali della Repubblica Iraniana”. Non oso pensare a come sarebbe potuto proseguire il dibattito se fosse avvenuto qualche giorno dopo, quando, a Torino, si era consumato il proscioglimento per intervenuta prescrizione di un pedofilo accusato di avere violentata una bambina, figlia della propria compagna nel 1997; o quando il consigliere regionale del PD campano è stato assolto dalle accuse di essere colluso con la camorra e di avere praticato con questa organizzazione il “voto di scambio”.
Non so se Davigo avrebbe avuto l’ardire di ripetere in Televisione una frase a Lui attribuita da molti giornali ( non mi risulta sia mai stata smentita, se non per qualche arzigogolata precisazione di forma) “…non esistono innocenti ma solo colpevoli che l’hanno fatta franca…”.
Io ho fatto per 12 anni il Vice Procuratore Onorario presso la Procura di Savona ed in questo ruolo ho rappresentato l’accusa in più di 1.600 udienze con l’esame di oltre 15.000 fascicoli e con l’esame e la redazione della conclusione delle indagini per oltre 5000 fascicoli. Il Tribunale penale di Savona ha una produttività che non vede estinzioni per prescrizione se non in numero fisiologico e con magistrati del monocratico che redigono (entro i termini previsti dalla legge) circa 400 sentenze l’anno con delle punte di oltre 600 ed un picco per un giudice di Albenga che ha raggiunto oltre 1000 sentenze in un anno.
Eppure l’organico, sia della Procura, sia del Tribunale per molti periodi ha presentato carenze significative sia per quanto attiene al ruolo dei Magistrati, sia per il ruolo del personale amministrativo.
E non so se il dott. Vincenzo Scolastico, Procuratore Capo quando ho incominciato il mio servizio quale VPO, si sia sentito rappresentato dalle esternazioni del dott. Davigo, non fosse altro che per quel tratto di rapporto umano che lo ha sempre contraddistinto, anche nei momenti più drammatici.
E non so nemmeno se abbia condiviso il Davigo-pensiero anche il dott.Francantonio Granero, che era sicuramente più combattivo e tranchant del dott. Scolastico, ma che di fronte ad argomentazioni motivate era pronto a capire le ragioni dell’altro.
Nè so se si sentano rappresentati i Magistrati giudicanti del Tribunale di Savona, il cui equilibrio e la cui serenità di giudizio è sempre stata una caratteristica peculiare, che come Pubblico Ministero ho sempre apprezzato anche quanto dissentivano dalle mie conclusioni.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: