Rubriche

APPUNTI E DISAPPUNTI

La settimana scorsa ha visto diversi avvenimenti che si sono segnalati alla opinione pubblica. In Italia è stata approvata la nuova legge elettorale, che i più critici dicono sia incostituzionale, smentiti, peraltro, da autorevolissimi esperti di diritto costituzionali, anche fra quelli non simpatizzanti del governo e del PD. Nell’Estremo Oriente è terminato il Congresso del Partito Comunista cinese con la riconferma, scontatissima, di Xj Jinping. Di queste due cose avremo modo di parlare prossimamente, quando avrò le idee più chiare in merito.
L’evento di maggiore rilevanza internazionale, tuttavia, credo sia la dichiarazione d’indipendenza della Catalogna e la conseguente applicazione dell’art. 155 della Costituzione spagnola con il commissariamento delle strutture pubbliche catalane. La questione catalana si è svolta come avevamo previsto un mese fa: era una pagliacciata senza sbocchi reali, che è stata artificialmente drammatizzata dagli errori commessi da una parte e dall’altra. Giovedì 26 scorso il Parlamento catalano ha votato, con 70 voti su 135, la dichiarazione di indipendenza della Repubblica catalana. Venerdì 27 il Senato della Spagna ha votato l’adozione dell’art. 155 della Costituzione Spagnola ed ha commissariato il Parlamento catalano destituendo Puigdemont. Inoltre il Governo spagnolo ha annunciato le elezioni in Catalogna per il 21 dicembre prossimo. Ieri una manifestazione di cittadini catalani e spagnoli ha sfilato per Barcellona per dimostrare contro l’indipendenza. Gli organizzatori parlano di un milione di manifestanti. Poichè i manifestanti a favore dell’indipendenza, in strada giovedì 26, erano valutati, dagli organizzatori, in numero di circa 450 mila, si può dire che le manifestazioni registrino un qualche vantaggio per gli unionisti. Gli indipendentisti sanno di non avere la maggioranza della popolazione catalana a loro favore, altrimenti non sarebbero stati a discutere su quale atteggiamento tenere al voto prossimo (che loro non volevano). Le ipotesi erano due: a) partecipare al voto ed in caso di sconfitta accettarlo democraticamente e, quindi, abbandonare ogni velleità (almeno per ora) di indipendenza; b) non andare a votare e continuare a dichiarare illegale il comportamento del Governo centrale di Spagna e rischiare una situazione conflittuale che può sfociare in episodi di violenza. Pare sia prevalsa l’ipotesi di partecipare alle elezioni. Il tutto a fronte di una situazione economica che sta degenerando perché, ad oggi, ben 1700 aziende hanno trasferito la sede fuori del territorio catalano ed anche la SEAT (la maggiore industria catalana per occupati e per fatturato) ha annunciato che è intenzionata a trasferire la propria sede. Il tutto senza nessuna sponda all’estero dove le sedi catalane verranno chiuse e nessun riconoscimento potrà avvenire alla cosidetta Repubblica catalana. Oggi si è diffusa la notizia che Puigdemont, insieme con 5 ex ministri del suo governo, sia andato a Bruxelles e non si sa se ritornerà in Catalogna perché in patria corre un rischio concreto di essere arrestato. In Belgio Puigdemont può contare sui politici di nazionalità fiamminga, tanto è vero che, alcuni giorni fa, un Ministro belga, di nazionalità fiamminga, ha detto che il Belgio potrebbe concedere loro asilo politico. Peraltro subito smentito dal Capo del Governo belga. Se le elezioni catalane saranno vinte da coloro che vogliono restare uniti alla Spagna, come pare probabile per le cose dette prima, il nuovo Governo catalano avrà, anzitutto, una cosa da chiedere prioritariamente al Governo centrale: la proposta al Re dell’indulto a favore di tutti quelli che hanno operato, contro le leggi, per poter dichiarare unilateralmente l’indipendenza, compreso aver tenuto un referendum dichiarato illegale dalla Suprema Corte di Giustizia spagnola. Questo al fine di evitare che Puigdemont e soci si atteggino a martiri e possano essere equiparati, dai più scalmanati indipendentisti, agli eroi veri come Nelson Mandela. L’indulto se sarà (come spero) concesso sarà un segnale concreto di pacificazione. Dopodichè il signor Puigdemont potrà fare ritorno in famiglia senza paura che lo arrestino. Ma la sua carriera politica sarà finita e, fra poco tempo, di lui si potrà dire (parafrasando il giornalista Mario Melloni che scriveva negli anni ‘60 e ‘70 ferocissimi corsivi sulla prima pagina dell’Unità con lo pseudonimo di Fortebraccio): “… si aprì la porta e non entrò nessuno: era Carles Puigdemont…”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: