Attualità

Aree di crisi complessa: la Liguria all’avanguardia tra le altre a livello nazionale

Soddifazione, da parte delle organizzazioni sindacali territoriali più rappresentative, Cgil, Cisl e Uil, dopo l’incontro in videoconferenza tenutosi ieri pomeriggio con la Regione Liguria, con la partecipazione dell’Assessore Benveduti, dei funzionari del dipartimento dello Sviluppo Economico e con Confindustria di Savona, sullo stato di avanzamento dell’iter dell’area di crisi industriale complessa del Savonese.
Nell’ambito della riunione è stato confermato l’ottimo risultato raggiunto, riconosciuto ed apprezzato dal Ministero pure in considerazione degli sviluppi progettuali nelle altre 18 aree di crisi complessa istituite in Italia.
“Il lavoro fatto a Savona in termini di partecipazione delle imprese ai bandi nazionali e regionali è il più importante fatto registrare ad oggi in tutto il Paese” affermano i Sindacati, che così spiegano:

“Sono 14 i progetti ammessi alla fase istruttoria nell’ambito del bando nazionale gestito da Invitalia – con oltre 100 nuovi occupati; 62 progetti presentati nell’ambito del bando regionale per nuovi investimenti produttivi, di sviluppo e di ricerca. Per i primi si attende a breve il riconoscimento del finanziamento pubblico nazionale che è stato incrementato di oltre 12 milioni di euro pochi giorni fa grazie all’approvazione della decima commissione permanente su industria, commercio, turismo del Senato, cifra che consentirà di soddisfare tutte tutte le domande ammissibili. Nota dolente Invitalia dovrà attendere l’esito del ricorso al Tar – a fine novembre 2020, ancora una volta posticipato – da parte di una delle imprese che oltre un anno fa aveva fatto ricorso per essere stata esclusa dai finanziamenti”.

Le attività maggiormente interessate sono le manifatturiere, soprattutto per il settore della meccanica, insediatesi nell’area della Valbormida.
“Alla luce del risultato del numero dei nuovi occupati tra bandi nazionali e bandi regionali ha dimostrato la bontà del meccanismo condiviso dal territorio per l’attribuzione dei finanziamenti per i bandi regionali – costruito in base al numero dei nuovi occupati rispetto agli investimenti e quindi finanziamenti pubblici – meccanismo che dovrebbe essere messo in campo anche per altri percorsi di questo tipo, perché risponde meglio all’obbiettivo primario che è quello di creare nuova occupazione stabile” così sottolineano Cgil, Cisl e Uil savonesi e continuano:
“Sul tema delle Politiche Attive del Lavoro, siamo ancora in attesa di un progetto sulla formazione da parte dell’Assessorato competente tenendo conto degli oltre 2,7 milioni di euro a disposizione grazie all’accordo di programma del savonese. Assessorato che contatteremo nei prossimi giorni con l’obbiettivo di condividere strumenti che possano garantire l’inserimento lavorativo di parte dei lavoratori inseriti nel “bacino dei lavoratori disoccupati”.

La Regione Liguria si è impegnata a chiedere al Ministero che le risorse economiche approvate in aggiunta ai 20 milioni di euro iniziali – 12 milioni di euro – possano essere messe a disposizione delle imprese che sono già state ammesse senza attendere l’esito del ricorso.

Per i bandi regionali, Filse – Finanziaria ligure per lo sviluppo economico – ha definito la tipologia dei progetti da finanziarie fino ad esaurimento risorse (12,5 milioni di euro ) – numero 28 progetti sui 62 totali – e a breve inizierà ad erogarle, insieme con 6 progetti approvati nel bando ricerca e sviluppo – 3,5 milioni di euro -. Grazie ai bandi regionali – nuove attività produttive e ricerca e sviluppo – i nuovi occupati saranno oltre 270, in attesa della presentazione del bando regionale per infrastrutture di ricerca – 3 milioni di euro – che sarà pubblicato prossimamente.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: