Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICAREGIONE

Bolletta energetica, materie prime e geopolitica

Con la guerra tra Russia ed Ucraina stiamo assistendo ad un repentino aumento dei prezzi delle materie prime; ciò avrà importanti conseguenze sul bilancio di famiglie ed aziende.

“Ringrazio tutti i presenti dicendo che sono contento di svolgere questo convegno in presenza”, dichiara l’europarlamentare Marco Campomenosi, “e voglio dire che la guerra è uno shock esterno che ci ha fatto cambiare le prospettive. La gestione della transizione ecologica, in questo momento, può portare a problemi sociali; il gas è la risorsa ideale per gestire la fase di transizione”.

Parole simili da parte dell’europarlamentare Marco Zanni :”L’evento è importante anche perchè viene svolto in presenza ed i problemi, dovuti sia alla pandemia che alla guerra, sono molteplici; l’Unione Europea non ha dato risposte adeguate alle crisi moderne ma è necessario un cambiamento dello sviluppo economico. L’Unione sta affrontando la crisi dovuta alla guerra senza risolvere adeguatamente quelle pregresse”.

“Vi è necessità di guardare a nuove fonti di energia”, sottolinea l’Onorevole Edoardo Rixi, “e a nuovi mercati di approvvigionamento. Bisogna capire cosa fare e risolvere i problemi valutando gli scenari che si verificheranno in futuro; la politica deve affrontare con slancio nuove sfide”.

“Le accise sulla benzina incidono per il 50% sul prezzo finale ed il rialzo del prezzo del petrolio in dollari è accelerato dalla guerra”, afferma Gianclaudio Torlizzi, autore del libro “Materia Rara”, “ma le sanzioni colpiscono uno dei più grandi produttori di gas, petrolio e acciaio. L’Euro regge al ribasso e l’apprezzamento del dollaro è sempre presente però le tensioni non fermano l’abbassare delle materie prime”.

“E’giusto dare voce a chi deve essere rappresentato e gli eletti devono fare il proprio dovere”, evidenzia l’europarlamentare Massimo Salini di Forza Italia, “ma voglio dire che non è una cosa buona prendere tutto il gas da un solo fornitore. L’Occidente ha le sue responsabilità ed uno stato cuscinetto come Israele deve diventare una potenza o andare d’accordo con i vicini; vi è bisogno di trovare un equilibrio ma bisogna ragionare con la Russia”.

“Dal 2000 ad oggi il mondo è cambiato e la Cina di oggi è diversa da quella di allora”, commenta Paolo Borchia, europarlamentare, “e mi chiedo se questa guerra non poteva essere evitata. La transizione ecologica è importante ma vi è il rischio di diventare tecnologicamente dipendenti dalla Cina per la transizione energetica; il gas dell’Algeria è importante ma vi è uno sbilanciamento economico per la dipendenza dal gas russo”.

“Chiedo che l’unico tema di cui debba occuparsi il Governo sia la fine della guerra”, ricorda il leader della Lega Matteo Salvini, “ed il tema economico più importante è un intervento per bloccare il caro-energia. Il sindaco Bucci ha lavorato bene e spero sia rieletto ma il PNRR va rivisto; vorrei un Paese che produce e la guerra porta solamente danni economici, sociali e morali. Nel mio piccolo cerco di fare il possibile per migliorare le cose”.

“Ringrazio il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli dicendo che occorre un punto d’incontro tra la domanda e l’offerta”, asserisce l’eurodeputato Antonio Rinaldi, “ricordando che l’80% degli italiani sono proprietari della casa in cui vivono. Il bonus casa è importante ma l’Unione Europea non ha un bilancio autonomo”.

“L’energia è molto importante per il futuro dell’Europa e vi saranno importanti ricadute a livello locale dovute ai progetti legati al PNRR; occorre integrare le risorse con maggiore flessibilità ma serve una particolare attenzione al progetto TAP per il gas proveniente dall’Azerbaijan però bisogna lavorare con i vertici di Governo. Questi sono temi importanti anche per la campagna elettorale del rinnovo del consiglio comunale di Genova anche se questo tema non è di competenza comunale”, conclude Marco Campomenosi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: