Bozzano pronto a scendere in campo per la sanità savonese

Bozzano è pronto a scendere in campo per la sanità savonese.

Ultima settimana di campagna elettorale, di incontri, di ascolto. Una fatica complicata dalle regole anticovid, ma una esperienza incredibile. Come sindaco ho già affrontato campagne elettorali e conosco bene cosa vuol dire rappresentare una Comunità. Ho percepito un vuoto nella Città di Savona che si mostra ferita, indebolita, priva di punti di riferimento in grado di rappresentare le criticità oltre la Città stessa.  Faccio un esempio su tutti, sono rimasto impressionato da quanti mi hanno chiesto di portare avanti la difesa della Sanità contro ogni campanilismo.  Ci sono problemi concreti ovunque, e si chiede una voce forte e decisa affinché il lavoro iniziato dalla Giunta Toti possa vedere risultati concreti e tempestivi almeno per quanto riguarda l’emergenza-urgenza. Ho appreso che per l’Ospedale San Paolo è in corso la gara per l’angiografo, macchinario importantissimo salvavita, che da troppo tempo manca in questo Ospedale provinciale, ospedale di riferimento del territorio dell’ASL2, come dispone la legge regionale, DEA di Primo livello, e ancora più importante la pianificazione  idonea per l’utilizzo al meglio di questo strumento e delle risorse economiche e umane per farlo funzionare. Ho ascoltato attentamente lo smarrimento per la mancanza di un Centro Ictus al San Paolo in grado di dare a tutti i cittadini pari opportunità di salvezza in caso di gravi problematiche tempo-dipendenti. Anche in questo caso molto del lavoro necessario è stato fatto, manca la conclusione e l’organizzazione. Difficile riassumere in poche righe ciò necessita pagine e pagine di studio e lavoro, voglio però ribadire con forza il mio impegno per sostenere queste tematiche. Sono tra i fondatori del Comitato Amici del San Paolo di Savona, come Sindaco ho sempre evidenziato la necessità per Varazze di avere un Ospedale forte, in grado di affrontare ogni tipo di emergenza in stretta sinergia con le esigenze anche della Val Bormida. La pandemia COVID19 ha trovato nel San Paolo una eccellenza nella cura delle persone colpite: un personale formidabile, dei medici preparati, una grande umanità. Questo è un valore da non disperdere e da consolidare e rafforzare! Oggi in tempo di epidemia bisogna aiutare le persone a ricominciare a curarsi (esami, visite specialistiche, interventi chirurgici e traumatologici che non si sono mai fermati, ma oggi è necessario ripartire come prima dando anche ai medici di famiglia e pediatri la possibilità di essere più efficaci nel concerto delle cure. Essere eletto in questo collegio mi darà l’opportunità di rappresentare ancora di più tutto questo. In modo netto, puntuale e incalzante come sono abituato a fare. La politica ha più rappresentanti del ponente, rimane un vuoto ormai cronico della Città Capoluogo e dintorni. A chiunque sentirà la necessità di una voce che parli di Savona in Regione io non posso che rispondere…Presente!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: