Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

“Carrozzella con rotelle”

Un’esplorazione oltre il delicato problema della disabilità

Dal noto opinionista Vincenzo Punzo

Oggi non è un caso che si rifletta su coloro che sono costretti a vivere la disabilità. Pertanto, parliamo dell’utilizzo della carrozzella con rotelle inventata in Germania nel 1655 dall’ingegnere Stephan Farffler.

Nel corso degli anni la carrozzella è stata di grande aiuto alle persone che non possono camminare perché afflitte da determinate patologie, portatrici di disabilità motorie o persone che hanno subito un infortunio. Per capirne di più mi sono fatto portavoce di un certo Vincenzo che ha vissuto una simile esperienza e che nel corso di quest’anno è stato costretto a vivere, per quattro settimane, su una carrozzella a causa di un improvviso e delicato intervento chirurgico sotto il piede destro. Per poter avere una minima indipendenza e spostarsi tra casa, giardino, bagno ecc ancora una volta è stato proverbiale l’aiuto e l’uso della carrozzella, coadiuvato dalla famiglia e da tanti amici.

Il pensiero va, per esempio, al giovane Manuel Bortuzzo, promessa del nuoto italiano, che si è trovato nel momento sbagliato …  nel posto sbagliato … e da tre anni è costretto a vivere su una carrozzina, così come la ventisettenne Arianna Talamona, campionessa mondiale di nuoto paraolimpico, che ha sviluppato i primi sintomi di una malattia ereditaria degenerativa in giovane età. Manuel, Arianna, ma sono tantissimi coloro che sono costretti a vivere la disabilità.

Oggi osservano il mondo dal loro punto di vista, cioè da quello di una sedia a rotelle, a tale scopo avrei preferito che fosse Vincenzo a parlare della sua breve esperienza sulla carrozzella, ma lui ha preferito il silenzio alle parole; è anche vero che silenzio e solitudine ti aiutano a distanziarti da una realtà non condivisa, ma allo stesso modo ti permettono di ascoltarti dentro. Allora perché noi -portatori sani- spesso pensiamo di capire chi vive tale disabilità e lo facciamo con assoluta disinvoltura, con empatia, qualche pacca sulle spalle e nei casi peggiori osiamo dire -ti capisco-.

Dal silenzio inaspettato di Vincenzo e dal suo sguardo sornione traspariva tanta serenità, che solo i disabili sanno regalarci, con l’auspicio che noi abili possiamo migliorare il rapporto con loro.

Preghiera di un piccolo asinello:

Caro Signore quale animale ha trovato tanto spazio nella tua vita più di noi asinelli,

ti preghiamo di non permettere che i nostri padroni siano più asini di noi-.

 

Vincenzo Punzo

 

Savona, 1° settembre 2022

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: