Attualità

Censimento permanente, censimento inconsistente

A quanto pare, cambiano le modalità del censimento che, da decennale, diventerebbe annuale, ma non vi verrebbero coinvolte tutte le famiglie ma “un campione” delle stesse; i costi verranno ridotti ma l’informazione sarà sempre più dettagliata e tempestiva, così si dice ed il nuovo censimento ci aiuterà a conoscere meglio il Paese in cui viviamo, così si pretende! Non si capisce, però, se tale “campione” costituirà anche il parametro per contare quanti siamo, così da sapere se in Italia viviamo in sessanta milioni e rotti, se diminuiamo o cresciamo di numero; vorrà dire che, nell’epoca del tutto on line, del tutto in tempo reale, il conteggio della popolazione diventerà approssimativo, come dicono essere della Cina; pertanto se a Celle Ligure, come si legge su Wikipedia, al 30 giugno 2017 la popolazione era di 5171 persone, a “campione” oggi, se su mille persone 10 sono morte e 10 sono nate, potremmo essere sempre in 5171, se il campione però si riducesse e la popolazione venisse calcolata su venti persone fra le mille, per ridurre i costi e, per combinazione, venissero considerati solo i morti, per riflesso Celle perderebbe metà della popolazione e su Wikipedia leggeremmo che la popolazione di Celle ammonta a 2585 abitanti, ne crescerebbe uno, che come aveva spiegato Umberto Eco, potrebbe rappresentare l’unico soggetto “a campione” per capire come siamo e cosa siamo ed anche per conoscere l’esito delle elezioni; del resto, al tempo del “sondaggio”, non si capisce perchè non si debba usare tale criterio per determinare e conoscere le caratteristiche, le abitudini, le inclinazioni, le predilezioni e le avversioni, così come le tendenze di voto…. Sembra però che non sarà il cellese che cresce nella stima ad aiutarci a “conoscere meglio il Paese in cui viviamo” ma, ogni anno, infatti, saranno 1 milione e 400 mila famiglie, in 2800 comuni, ad essere chiamate a partecipare al “censimento”!
Aderire è un obbligo di legge, così sta scritto e si dice che potrebbe rappresentare anche un’importante opportunità, così se si riceverà una lettera con tutte le informazioni – sicuramente illeggibili e di chiarezza “zero” – per la corretta compilazione del questionario, vorrà dire che si avrà l’onore e l’onere di far parte del campione che, nell’anno, parteciperà al censimento. Si dovrà rispondere direttamente al questionario on line, per cui a più di uno “scelto” del campione sembrerà di perdere la testa  e si potrà chiedere aiuto, secondo le modalità  indicate nella lettera; magari a qualche numero di telefono con cui non si comunicherà mai od a qualche risponditore automatico dalla voce metallica che, all’ossessione, inviterà a premere uno, a premere due, a premere tre…che farebbe perdere la pazienza anche a Giobbe! Se invece sul portone di casa è stata affissa una locandina e si è ricevuta una lettera con l’avviso che un rilevatore verrà a intervistarci a casa allora dovremo fornire le informazioni richieste dal questionario direttamente al rilevatore incaricato dal Comune, a cui è d’auspicio esprimere la nostra più viva solidarietà!

Però sarà sempre un “campione” a fornire le preziose informazioni e se un tempo, secondo l’aleatorio criterio della statistica, divenuto un noto modo di dire popolare “se lui mangia due polli ed io non ne mangio neppure uno abbiamo mangiato comunque un pollo a testa”, ora si dovrà supporre che se tale vicenda alimentare è identica nel “campione”, è estensibile alla generalità, ma se nel “campione” in oggetto, per qualche tiro del destino, ed il destino od il fato, per definizione, sfuggirebbero ad ogni campionamento, si trovassero solo i vegani il cui numero è in crescita, rappresentando un dato significativo “per conoscere meglio il Paese in cui viviamo”, di polli non ne mangerebbe più nessuno e lo sfortunato protagonista del detto popolare di cui sopra, finalmente si prenderebbe la sua debita rivincita!

Per capire quanto possa e, ripetiamo, possa, apparire cervellotico – o bislacco – dipende dai punti di vista, il nuovo formidabile sistema di rilevazione, non c’è di meglio che leggerne la spiegazione proprio sul sito dell’Istat: “Solo una parte dei Comuni (1.143) parteciperanno ogni anno alle operazioni censuarie. La restante parte sarà chiamata a partecipare invece una volta nell’arco di quattro anni. In questo modo, entro il 2021, tutti i Comuni parteciperanno, almeno una volta, alle rilevazioni censuarie. I dati ottenuti saranno di tipo censuario, quindi riferiti all’intera popolazione italiana: un risultato raggiungibile solo grazie all’integrazione statistica tra le rilevazioni campionarie e i dati di altre fonti amministrative.” Quindi le rilevazioni censuarie diventeranno “spazio-temporali” e, come vale per le stelle, delle quali, secondo i principi di misurazione dettati dal concetto dell”anno luce”, non vedremmo altro che la luce da loro emessa anni addietro, a volte tanti anni, così le rilevazioni censuarie, divenute “rivelazioni” censuarie sarebbero, nell’anno 2021,  quelle di anni prima e se, per azzardo, un comune, nell’anno 2019, venisse fuso con un altro, nell’anno 2021 esisterebbe ancora e, per scendere più terra terra, se un “single” o “zitello” che dir si voglia, censito come tale nell’anno 2018, si sposasse, sempre per capriccio del destino o del fato, nel 2019, nell’anno 2021 risulterebbe comunque ancora “zitello”!

E pensate alla frase con cui inizia il Vangelo secondo San Luca: “In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra..”, pensate se si fosse fatto a “campione” e Giuseppe e Maria non si fossero trovati in esso compresi e non avessero preso la strada di Betlemme per “farsi registrare”….I Re Magi non sarebbero partiti ed Erode non avrebbe mai saputo che doveva nascere Cristo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: