Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICAREGIONE

Centri estivi, stanziati voucher per tre milioni di euro

Torna, per il terzo anno consecutivo, la misura “Voucher Centri Estivi 2022” con uno stanziamento di Regione Liguria pari a 3 milioni di euro; dal 18 luglio al 10 agosto sarà dunque possibile, per ogni nucleo familiare, presentare domanda di contributo a Filse, attraverso il centro estivo, per ottenere un finanziamento. Le risorse sono suddivise in fasce. Per i bambini tra gli 0 e i 5 anni è previsto un budget complessivo di 1.650.000 euro: l’importo del voucher è fino a 90 euro a partecipante per settimana di frequenza. Per i bambini e i ragazzi nella fascia d’età 6-17 anni è stato stanziata una somma di 1.100.000 euro: l’importo del voucher è fino a 70 euro a partecipante per settimana di frequenza. Infine per i bambini e i ragazzi fino a 17 anni di età provenienti dall’Ucraina a partire dal 24 febbraio 2022 il budget stanziato è di 250.000 euro: l’importo del voucher è fino a 150 euro a partecipante per settimana di frequenza e prevede una quota per la facilitazione linguistica. Possono presentare domanda di accesso ai “Voucher Centri Estivi 2022” le famiglie residenti o domiciliate in Liguria alla data di presentazione della domanda, con ISEE del nucleo familiare (ordinario o corrente) non superiore ai 50.000 euro e con figli fino a 17 anni e il genitore o tutore legale dei bambini e ragazzi ucraini fino a 17 anni che, a decorrere dall’inizio del conflitto bellico e, quindi, dal 24 febbraio 2022 incluso, sono arrivati nel territorio ligure. La domanda sarà presentata attraverso il soggetto erogatore del servizio. Il voucher è settimanale ed è dunque possibile richiedere più voucher, uno per ogni settimana di frequenza prevista, sino ad un massimo di 10 settimane. Nel caso di famiglie con più di un componente minorenne frequentante i centri estivi, è possibile richiedere voucher per ogni componente. Il bonus verrà erogato tramite una graduatoria che terrà conto del maggior grado di impegno in attività di lavoro da parte dei genitori del bambino o adolescente, della condizione di disabilità del bambino o adolescente, della documentata condizione di fragilità del nucleo familiare di provenienza del bambino o adolescente e dell’indicatore della situazione reddituale, valido ai fini ISEE. Per informazioni: 010/ 8403336 (dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13 e dalle 14 alle 17.30) e infobandi@filse.it

“Tante realtà diventano, in estate, centri estivi con attività che aiutano le famiglie e permettono la socialità”, dichiara l’assessore regionale alle politiche sociali Ilaria Cavo, “e grazie al Fondo Sociale Europeo abbiamo fatto un intervento per calmierare le rette. L’intervento continua anche se in modo diverso e chi ottiene il voucher può partecipare ai centri estivi con un costo uguale a quello dello scorso anno; abbiamo destinato tre milioni divisi in fasce : per i bambini tra 0 e 5 anni fino a 90 euro a settimana per partecipante per un totale di 1.650.000 euro, per i ragazzi da 6 a 17 anni fino a 70 euro a settimana per partecipante, per i ragazzi provenienti dall’Ucraina fino a 17 anni fino a 150 euro a settimana per partecipante per un totale di 250.000 euro ricordando che le richieste vengono gestire direttamente dai centri estivi e possono fare richiesta le famiglie residenti in Liguria con ISEE non superiore ai 50.000 euro. E’inoltre possibile chiedere più voucher, uno per ogni settimana di frequenza fino ad un massimo di dieci e nel caso di famiglie con più di un componente frequentante i centri estivi è possibile chiedere i voucher per ciascun componente; la graduatoria terrà conto degli impegni lavorativi dei genitori, eventuali disabilità, fragilità della famiglia e dell’ISEE dando priorità all’ISEE più basso. Tutto ciò è molto importante perchè permette ai bambini di socializzare con un costo ragionevole per i genitori; lo scorso anno sono stati coinvolti circa 7000 bambini e 500 centri”.

Stessa soddisfazione da parte di Andrea Rivano portavoce del Forum Terzo Settore Liguria :”Questo è un sostegno concreto alle famiglie e ne siamo contenti; stiamo ripartendo ma un aiuto è ancora necessario. La misura in questione sta dando importanti risposte e possibilità ai nuclei famigliari”.

“Ringrazio l’assessore Cavo per questa importante misura”, commenta il vicepresidente di Coni Liguria Andrea Fossati, “che, insieme alla diverse offerte dei numerosi centri estivi, è un aiuto concreto alle famiglie. Il sostegno allo sport ed alla promozione sociale è fondamentale per la crescita dei ragazzi e sono contento dell’aiuto verso le famiglie ucraine nell’ottica dell’integrazione”.

“E’importante lavorare per l’accoglienza”, afferma padre Andrea Melis presidente ligure Fidae Federazione scuole cattoliche, “e con questi aiuti possiamo mantenere le tariffe degli scorsi anni. Questo è un aiuto importante e mirato per le famiglie ed i nostri centri svolgono molteplici attività attraverso un progetto di condivisione ed il lavoro di squadra”.

“Durante la pandemia era previsto un educatore ogni tre bambini”, sottolinea Antonio Pagnotta presidente ligure FISM Federazione Italiana Scuole Materne, “e la nostra attività aiuta le famiglie. L’offerta formativa, educativa e sociale che abbiamo è importante ma serve qualità; le famiglie hanno libertà educativa e la concorrenza tra diverse realtà è fondamentale. Questo aiuto permette di rilanciare i centri estivi affinchè i genitori possano scegliere servizi di qualità; ringrazio l’assessore Cavo per cosa fa ricordando che diverse scuole vogliono accedere al terzo settore per migliorare la loro offerta formativa”.

“Ringrazio la regione dicendo che le madri ucraine mi chiedono aiuto; rivolgo all’assessore Cavo la mia gratitudine per cosa fa dicendo che è necessario facilitare l’integrazione dei ragazzi. La prima fase di emergenza è passata mentre ora dobbiamo pensare all’accoglienza; sono circa 5000 gli ucraini in Liguria di cui 3000 persone e 1200 bambini a Genova”, conclude padre Vitaly Tarashenko Cappellano della Comunità ucraina ligure.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: